Assunzioni Poste Italiane a Trieste e in Friuli Venezia Giulia: tutte le informazioni

Tante offerte di lavoro da parte di Poste Italiane in tutta Italia: si offrono contratti a tempo determinato a decorrere da febbraio 2016. Per quanto concerne tutta la nostra regione, si ricercano portalettere in tutte e quattro le province. Candidature aperte fino al 6 gennaio 2016

Nuova ondata di assunzioni da parte di Poste Italiane in tutta in Italia. Per quanto riguarda le province di Trieste, Udine, Gorizia e Pordenone, le offerte di lavoro riguardano le figure di portalettere.

PORTALETTERE Si offrono contratti a tempo determinato a decorrere da febbraio 2016, in relazione alle specifiche esigenze aziendali sia in termini numerici che di durata. I requisiti per candidarsi sono i seguenti: diploma di scuola media superiore con votazione minima 70/100 o diploma di laurea, anche triennale, con votazione minima 102/110; patente di guida in corso di validità; idoneità alla guida del motomezzo aziendale (la prova sarà effettuata su un motomezzo 125 cc a pieno carico di posta il cui superamento è condizione essenziale senza la quale non potrà aver luogo l’assunzione); certificato medico di idoneità generica al lavoro rilasciato dalla USL/ASL di appartenenza o dal proprio medico curante (con indicazione sullo stesso certificato del numero di registrazione del medico presso la propria USL/ASL di appartenenza). Non sono richieste conoscenze specialistiche. Curriculum vitae entro il 6 gennaio.

Qui per potersi candidare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento