Le 10 cose da fare a Trieste secondo gli inglesi

Un articolo a firma del giornalista inglese John Brunton mette in mostra le bellezze della nostra città sull'importante quotidiano britannico The Guardian. I dieci consigli su cosa fare: dalla Napoleonica al parco di San Giovanni, fino a Muggia e l'immancabile "Pedocin"

Succede ormai in ogni periodo dell'anno. Trieste ha uno spazio particolare sui maggiori quotidiani internazionali e sta diventando - lo è già - una meta turistica molto gettonata. È di questa mattina infatti la notizia che il quotidiano indipendente britannico The Guardian ha pubblicato un reportage, a firma del giornalista John Brunton, sulle dieci cose da fare nella nostra città

Il reportage 

"Trieste è sbocciata dall'essere un posto di frontiera dei Balcani ad un centro culturale molto attivo" inizia così l'articolo pubblicato qualche ora fa. Scorrono le foto della Barcolana con un'intervista al patron della regata Mitja Gialuz, si passeggia lungo la strada Napoleonica, ci si ferma nelle osterie e nelle trattorie meno conosciute; un'ampia sezione è inoltre dedicata all'ex ospedale psichiatrico di San Giovanni e al suo parco: "oggi gli studenti frequentano corsi universitari e gli edifici giallo pastello in stile Liberty ospitano performance artistiche, di cinema, una stazione radio (radio Fragola ndr), concerti e molto altro" si legge nel reportage. Il bagno Alla Lanterna diventa "El Pedochin" inserendo una lettera h che poco c'entra se non fosse per agevolare - probabilmente - i lettori inglesi. 

Muggia

Spazio poi anche per la cittadina rivierasca che grazie al Delfino Verde viene raggiunta facilmente. "Muggia è una gemma, con il suo piccolo porticciolo riempito di barche di pescatori.

I buffet storici

Non potevano mancare poi le suggestioni dei buffet, abituali ritrovi dei triestini e non, il Faro della Vittoria con il suo "spettacolare panorama". "Trieste - si legge nella conclusione - è una città di frontiera genuina, con una storia di famiglie divise dai confini, anche se oggi questo faro è diventato un simbolo di libertà"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Fu Churchill a definire la cortina di ferro da Stettino a Trieste. Ma non esitò a concedere Pola a Tito pur avendone il controllo. E ricordiamo Vergarolla e pure il comandante inglese ucciso il giorno della consegna agli jugoslavi.

  • the guardian è un po' il piccolo di londra. Carta buona per raccogliere la pupù del canarino

Notizie di oggi

  • Cronaca

    È record: a Trieste il valzer più grande del mondo

  • Cronaca

    La tragica escursione dei due colleghi morti in montagna

  • Cronaca

    Furto in un negozio di impianti elettrici: 33enne triestino arrestato in flagrante

  • Cronaca

    Cane e padrone aggrediti da un pastore del Caucaso: "Rischiavano di morire"

I più letti della settimana

  • Trieste piange Jennifer e Massimo, trovati i corpi senza vita

  • La tragica escursione dei due colleghi morti in montagna

  • I 10 libri da regalare a Natale per capire Trieste

  • Incidente ex GVT, parla il padre della vittima (FOTO)

  • Scomparsi sul Lussari, i due triestini visti da una fototrappola

  • Beccato il giovane che mandò in coma Alessio

Torna su
TriestePrima è in caricamento