Allenamento propriocettivo: cos'è, vantaggi e benefici

L'allenamento propriocettivo è caratterizzato da una serie di movimenti instabili volti a migliorare la nostra capacità di gestire i segnali provenienti dai recettori del nostro sistema neuro-muscolare. Un allenamento utile a controllare il nostro corpo in modo efficace, scopriamo di cosa si tratta

La propriocezione è il senso di auto-movimento e posizione che abbiamo del nostro corpo. Essa è mediata dai propriocettori, neuroni meccanosensoriali situati all'interno di muscoli, tendini e articolazioni che ci aiutano a percepire i movimenti in rapporto allo spazio che ci circonda. Esiste una particolare tipologia di allenamento basato su questo tipo di sensibilità, stiamo parlando dell'allenamento propriocettivo.

L'allenamento propriocettivo

Questa tipologia di allenamento è caratterizzato da una serie di movimenti instabili, volti a migliorare la nostra capacità di gestire i segnali propriocettivi provenienti dai recettori del nostro sistema neuro-muscolare. Utili a proteggerci da traumi e infortuni, ma anche per controllare il nostro corpo in modo efficace, gli esercizi propriocettivi ci aiutano ad avere una maggiore consapevolezza della percezione che abbiamo di forza, velocità e accelerazione e di altre informazioni meccaniche sul funzionamento di muscoli, tendini e articolazioni, oltre ad usarli meglio; infatti, l'obiettivo è quello di migliorare la comprensione e il controllo degli stimoli derivanti da tali recettori.

Esercizi propriocettivi

Esistono tre tipologie fondamentali di esercizi propriocettivi:

  • esercizi a carico naturale: basati esclusivamente sull’utilizzo del nostro corpo;

  • esercizi in scarico con tavolette: che utilizzano attrezzi come tavolette/pedane e cuscini, svolgendo l'esercizo da seduti;

  • esercizi in piedi con tavolette, o altri strumenti.

Benefici e vantaggi

Gli esercizi propriocettivi sono una pratica legata alla riabilitazione o al miglioramento di articolazioni, muscoli e tendini. Risultano particolarmente utili nel caso di traumi; fratture e distorsioni; interventi chirurgici e così via. Si tratta di movimenti che mirano a creare instabilità nel corpo, utili a migliorare le nostre capacità di controllo del movimento, che potrebbero essere diminuite, ad esempio, dopo un incidente. Stimolare il sistema neuro-motorio in questo modo, infatti, ha diversi vantaggi, quali migliorare i riflessi; migliorare la postura; migliorare la capacità di equilibrio; migliorare la coordinazione

Come esegurili

Almeno inizialmente, è meglio praticare questo tipo di allenamento sotto la supervisione di un fisioterapista, dopodiché gli esercizi possono anche essere svolti anche in autonomia. Esistono, inoltre, esercizi propriocettivi personalizzati in base alle nostre esigenze, questi possono aiutarci a recuperare la percezione e la riproduzione dei movimenti articolari e muscolari corretti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Test Invalsi obbligatori per superiori e medie, ecco le date e i contenuti delle prove

  • Fondo milanese si "disfa" delle sue proprietà, venduti 1300 metri quadrati alle Torri

  • ​Impermeabilizzazioni edili, come rendere il terrazzo sicuro e resistente senza spendere troppo

  • Chiude il "Caffè dei libri": il tribunale dichiara il fallimento

  • “Era il ‘Bronx’, oggi è un gioiello” l'evoluzione di borgo San Sergio per i residenti (FOTO)

  • Cade in acqua con la gamba fratturata: salvato "per miracolo" in porto

Torna su
TriestePrima è in caricamento