Fonte di calore eco-sostenibile, perché scegliere il camino in bioetanolo

Durante la stagione fredda, il fascino di possedere un camino in casa è innegabile. Purtroppo installarlo prevede una procedura complessa e costosa, ma in alternativa al camino tradizionale, possiamo optare per i camini in bioetanolo. Ecco i loro vantaggi

L'inverno è ormai vicino e, come notiamo, anche le temperature stanno per abbassare. Durante la stagione fredda, oltre a scaldarci con i classici termosifoni, non possiamo negare che il camino ha un fascino particolare, possederlo in casa è sicuramente una fortuna, le fiamme che ardono e illuminano l’ambiente, lo scoppiettio della legna e l’odore che si diffonde, ed ecco qui l'atmosfera perfetta. Ma al contrario, se non lo abbiamo, installarlo prevede una procedura complessa e abbastanza costosa. Bisogna effettuare lavori di muratura, installare una canna fumaria, acquistare un camino, rifornirci di legna per l’inverno e così via. Se non vuoi rinunciare alla resa estetica di un camino in casa, i camini a bioetanolo rappresentano una valida alternativa. Scopriamoli.

Cos'è

Con un camino a bioetanolo non dovrai fare lavori in casa, preoccuparti dei fumi, della cenere, della legna, ti basterà semplicemente scegliere il modello che meglio risponde alle tue esigenze ed ai tuoi gusti, ed il gioco è fatto. Si tratta di un camino senza canna fumaria, con una fonte di calore eco-sostenibile e dal design elegante che riproduce la magia di un camino tradizionale a legna. I modelli disponibili sul mercato sono davvero tantissimi e adattabili a qualsiasi tipo di esigenza. Non necessitando di canna fumaria può essere collocato in ogni ambiente, a seconda delle esigenze di spazio e di arredamento.

Il bioetanolo

Al posto della legna questo tipo di focolare utilizza un combustibile ecologico e biodegradabile molto facile da reperire, il bioetanolo. Si tratta di un alcool etilico denaturato prodotto dalla fermentazione di biomasse come scarti vegetali come cereali, barbabietola, canna da zucchero e patate. Inoltre, questa sostanza, che si presenta sotto forma liquida, si conserva in comode taniche occupando poco spazio in casa. Il bioetanolo è venduto allo stato liquido, solitamente in flaconi da 1 litro, il cui costo varia dai 2,5 ai 5,00 euro. Il consumo di bioetanolo di un camino varia a seconda del modello specifico, della capienza massima del bruciatore e dalla potenza della fiamma.

Quanto calore produce?

I camini in bioetanalo sono in grado di sviluppare calore dai 3 ai 4 kw/h circa, a seconda della capacità del bruciatore ed all’intensità della fiamma. Il calore resterà concentrato all’interno della stanza in cui il biocamino è acceso, riuscendo a riscaldare anche 20 o 30 mq. I focolari alimentati a bioetanolo sono anche convenienti, in quanto garantiscono il riscaldamento ottimale in poco meno di 15 minuti, con un notevole risparmio di combustibile e quindi denaro.

Vantaggi

I camini a bioetanolo presentano numerosi vantaggi, sia dal punto di vista estetico che pratico/economico. Al contrario dei classici camini, i biocamini non necessitano né di canne fumarie né di cappe e non producono polveri, odori o fumi tossici. Sia l’installazione che la manutenzione di un camino a bioetanolo è molto semplice, in quanto non prevede l’allaccio alla rete elettrica o all’impianto del gas e non servono permessi per poterli montare. Anche la loro pulizia è semplice, poiché non generano né ceneri, né fuliggine. Ecco altri vantaggi:

  • oltre ad essere dei dispositivi per il riscaldamento della casa, sono anche dei complementi di arredo di design, che arricchiscono l’ambiente;

  • la fascia di prezzo è molto ampia. Si parte da soluzioni molto economiche, circa 20,00 euro per i modelli da tavolo, fino a modelli più complessi, ma in media con una spesa inferiore i 300,00 euro si riesce ad acquistare un buon prodotto;

  • il loro funzionamento è molto semplice, è sufficiente introdurre il combustibile e accendere la fiamma;

  • hanno un impatto ambientale molto basso, e non producono fumi o cattivi odori.

Dove acquistarli a Trieste

  • L'ambiente &... (Via Polonio, 7)

  • Maizen Elettricità (Via Giulia, 5)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Come arredare un monolocale sfruttando gli spazi in maniera ottimale

  • Quando accendere i termosifoni, tutte le date e gli orari città per città

  • Fonte di calore eco-sostenibile, perché scegliere il camino in bioetanolo

  • Cappa filtrante o cappa aspirante in cucina? Ecco le differenze

  • I metodi naturali per eliminare i fastidiosi insetti della dispensa

Torna su
TriestePrima è in caricamento