Caraffe filtranti, falsi miti e verità da conoscere

Usare le caraffe filtranti è una pratica sicura? Per parecchio tempo sono circolate voci discordanti su di esse. Cerchiamo, quindi, di fare un po’ di chiarezza in merito ai falsi miti e verità sull’acqua filtrata

L’acqua filtrata può essere sia bevuta che usata per cucinare, migliorando il sapore delle ricette. Possiamo fare questo in tutta tranquillità usando le caraffe filtranti Brita, i cui filtri riducono il calcare e altri metalli dall’acqua potabile, eliminando, così, anche le bottiglie pesanti da sollevare e portare a casa.

La sicurezza

Come per qualsiasi utensile in cucina, vogliamo essere certi di poter usare le caraffe filtranti in assoluta sicurezza. Per parecchio tempo sono circolate voci discordanti sulle caraffe filtranti. Cerchiamo, quindi, di fare un po’ di chiarezza in merito ai falsi miti e verità sull’acqua filtrata.

L’acqua filtrata ha un sapore migliore

Il filtro opera una riduzione significativa di cloro, calcare e di percentuali di rame e piombo che possono derivare da alcune tubature domestiche. Il gusto dell’acqua filtrata risulta quindi più leggero e privo di quel sapore di cloro e ferro che talvolta presenta l’acqua di rubinetto.

Le caraffe filtranti migliorano la qualità dell’acqua del rubinetto

L’acqua che arriva dai nostri rubinetti contiene, tra le varie sostanze, una certa percentuale di metalli. I filtri delle caraffe contribuiscono alla loro riduzione. Rame e piombo, in particolare, vengono trattenuti col risultato di portare in tavola un’acqua migliore.

I filtri sviluppano batteri, falso!

Tutti i test recenti hanno evidenziato che è un falso mito. Lo speciale trattamento con argento delle cartucce filtranti, come di molti altri apparecchi per uso domestico, inibisce la proliferazione di batteri nel filtro stesso. Inoltre, tutti i prodotti Brita sono certificati TiFQ per l’idoneità a uso alimentare e sono in linea con il decreto ministeriale 25/2012.

La manutenzione delle caraffe è impegnativa e costosa, falso!

La corretta manutenzione delle caraffe filtranti deve essere accurata ma è estremamente semplice. Ogni filtro ha una durata media di 4 settimane, pari a 100 l di acqua filtrata. Le caraffe sono dotate di un display che ti avvisa quando sostituire il filtro secondo la corretta periodicità per assicurarsi il corretto funzionamento del filtro.

Attenzione: la filtrazione non rende potabile anche l’acqua non potabile

Non è la funzione che svolgono le caraffe. Il concetto di depurazione implicherebbe, infatti, un processo di trasformazione di un’acqua non potabile in potabile. Le caraffe filtranti, invece, ottimizzano l’acqua già potabile in partenza, com’è la nostra acqua del rubinetto che è costantemente sottoposta a scrupolosi controlli.

Dove acquistarle a Triste

  • Uniero (Via Matteo Renato Imbriani, 8)

  • Farmacia ai due Mori (Capo di Piazza Santin, 2)

  • L’Oasi Naturale (Via Boccaccio, 6)

  • NaturaSì (Via Fabio Severo, 48)

Trovate le caraffe filtranti anche in tutti i punti vendita COOP della città. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come arredare un monolocale sfruttando gli spazi in maniera ottimale

  • Quando accendere i termosifoni, tutte le date e gli orari città per città

  • Fonte di calore eco-sostenibile, perché scegliere il camino in bioetanolo

  • Guardaroba, i rimedi per eliminare le larve delle tignole

  • Cappa filtrante o cappa aspirante in cucina? Ecco le differenze

  • Installazione infissi, modelli e detrazioni fiscali

Torna su
TriestePrima è in caricamento