Caratteristiche barbecue, guida all’acquisto tra i modelli in commercio

Cosa c'è di meglio di una grigliata all'aperto quando abbiamo degli invitati a cena? Normalmente si associa la scelta del barbecue al tipo di alimentazione, ma sono ancora tante le caratteristiche da tenere in considerazione. Scopriamole

Se siete degli amanti del barbecue saprete sicuramente che la sua scelta è importante e dipende da moltissimi fattori. Oggi in commercio sono disponibili tantissimi modelli, di diversi prezzi e qualità, ma questa grande varietà a volte crea inevitabilmente un po’ di confusione, in particolare a chi è alle prime armi. Normalmente si associa la scelta del barbecue soltanto al tipo di alimentazione, quindi a gas, elettricità o a carbonella, ma ancora tante sono le caratteristiche da tenere in considerazione. Scopriamole insieme.

Cosa considerare

Come in ogni acquisto è importante considerare una serie di fattori, in particolare quali sono le nostre esigenze e che tipo di cottura abbiamo intenzione di fare.

Frequenza di utilizzo

È importante sapere con quale frequenza useremo il barbecue e dove abbiamo intenzione di cucinare, se in casa, all’aperto o in terrazza e se la zona è riparata o meno. Se, inoltre, abbiamo in programma di portare il barbecue anche in campeggio o ad una scampagnata dovremmo optare per un barbecue portatile, piuttosto che uno fisso. Solitamente il barbecue si presta per un pranzo o una cena in compagnia e avere un’idea del numero di ospiti che si prevede di avere può influire sulla scelta delle dimensioni del barbecue, valutando la quantità di cibo che dobbiamo cuocere sarà più facile scegliere il modello giusto. 

Genere di cottura

Il genere di cottura che abbiamo intenzione di eseguire è rilevante ai fini dell’acquisto. Se pensate di cuocere prevalentemente carne, pesce o verdure alla griglia è probabilmente meglio optare per un barbecue a legna, mentre quelli a gas permettono anche di friggere e bollire. L’alternativa tra gas e legna è legata anche alla facilità di utilizzo e la manutenzione, le cotture a carbonella richiedono un maggiore impegno nell’accensione e una pulizia più lunga rispetto a quelle a gas.

Dimensioni del barbecue

Da valutare in base alla quantità di cibo da cuocere e alla grandezza dello spazio in cui verrà riposto il barbecue quando non utilizzato; alcuni barbecue sono molto piccoli e compatti, mentre altri sono dotati di più fuochi e griglie e offrono un maggiore spazio anche lateralmente grazie a dei ripiani per appoggiare i piatti e tutto il necessario.

Materiale di realizzazione

Può essere acciaio inox, ferro o ghisa. Nella scelta del materiale è necessario considerare anche il tipo di clima in cui si risiede, se si abita in una località di mare è, ad esempio, consigliabile scegliere un barbecue in acciaio, più resistente alla corrosione di umidità e aria salmastra.

Prezzo

Ovviamente queste caratteristiche incidono anche sul prezzo, quindi più un barbecue è grande e realizzato con materiali di qualità, più sarà costoso. In merito al prezzo è importante valutare anche quali accessori vengono forniti insieme al barbecue, poiché talvolta questi devono essere acquistati separatamente. Uno degli accessori indispensabili e che non sempre è presente è il coperchio, questo oggetto consente di controllare meglio il calore e di cuocere il cibo in maniera più uniforme. Un’altra caratteristica da considerare è la presenza di ruote che vi consentano di spostare facilmente il barbecue.

Barbecue a legna

Gli amanti del barbecue sanno che il sapore della carne o del pesce cotto alla brace ha un sapore affumicato unico e inconfondibile, perciò se pensate di cuocere esclusivamente del cibo alla griglia è la soluzione migliore. La cottura più lenta mantiene la carne più morbida e succosa, quindi sicuramente più gustosa. Esistono vari modelli in commercio, da quelli più semplici ed economici a quelli più moderni dotati di più griglie e una migliore regolazione del calore. Comunque, in generale, il barbecue a legna è più economico rispetto a quello a gas.

Accensione del fuoco

Il barbecue a legna comporta anche una maggiore organizzazione per quanto riguarda l’accensione del fuoco, perché prima di mettere il cibo sulla griglia bisogna attendere che la carbonella o la legna raggiungano la giusta temperatura; è poco indicato quindi se avete poco tempo e volete fare un pasto veloce. Esistono anche delle alternative per chi vuole velocizzare questo processo, ma in generale è necessario attendere almeno 15-20 minuti prima di iniziare la cottura. Evitate, invece, la carbonella che contiene additivi infiammabili perché altera il sapore del cibo.

La pulizia del barbecue

Al termine della cottura, la pulizia del barbecue a legna richiede un tempo maggiore rispetto al gas, perché oltre ad eliminare i residui del cibo sulla griglia è necessario rimuovere le ceneri e pulire bene il barbecue.

Barbecue a gas

I barbecue a gas sono senza dubbio più pratici e comodi sia per quanto riguarda la cottura che per la pulizia, ma sono anche più costosi perché generalmente sono prodotti in acciaio e anche la riparazione e la sostituzione dei pezzi può risultare più costosa. 

Vantaggi

La comodità dei barbecue a gas è data sicuramente dal fatto che una volta acceso è possibile iniziare la cottura immediatamente e la temperatura si può regolare ottenendo una cottura più uniforme. I modelli più costosi sono solitamente dotati di più fuochi che consentono di cuocere il cibo a differenti temperature. Producendo poco fumo e non essendoci cenere, la cottura è più “pulita” e quindi il barbecue è più semplice da pulire. È più indicato se lo si desidera utilizzare in casa o sul balcone di casa se si vive in un condominio.

Tipologie di barbecue a gas

Ma i barbecue a gas non sono tutti uguali e al momento dell’acquisto si può scegliere tra:

  • barbecue alimentato attraverso delle bombole di GPL, che consentono di spostare il barbecue dove si desidera cucinare, ma presenta alcuni svantaggi in termini di prezzo, essendo il GPL più costoso. Bisogna considerare, inoltre, che le bombole si possono esaurire anche durante la cottura e che poi devono essere riempite o sostituite.

  • Barbecue a metano, ovvero allacciato al gas di casa: offre la comodità di non dover cambiare la bombola, avendo quindi sempre il gas a disposizione, e allo stesso tempo offre un risparmio essendo il metano molto economico, anche se alcuni modelli devono essere adattati all’alimentazione a metano e questa operazione può rivelarsi abbastanza costosa. 

Metodi di cottura

I barbecue a gas sono strutturati in modo tale che i bruciatori surriscaldino una piastra in ghisa o di pietra lavica, sopra la quale si trova poi la griglia di cottura. In particolare le piastre in pietra lavica simulano il metodo di cottura del barbecue a carbonella e quindi rende il cibo più saporito, ma è necessario attendere che la piastra si surriscaldi almeno una decina di minuti prima di posizionare la carne sulla griglia ed i fuochi devono essere potenti, altrimenti la cottura sarà più simile a quella a vapore. Essendo poi la pietra lavica un materiale naturale è sotto certi aspetti migliore del carbone, ormai è risaputo, infatti, che la cottura sulla brace genera sostanze nocive e cancerogene.

Numero dei fuochi

Quando acquistate un barbecue a gas valutate bene il numero di fuochi presenti, tenendo a mente che avere più fuochi vi consente di fare diverse cotture, più lente o più rapide, e vi permette anche di lasciare un fuoco spento per far riposare alcuni istanti la carne tenendola sotto al coperchio prima di servirla, così completerà la cottura senza bruciarsi.

Barbecue portatili

Esistono vari tipi di barbecue portatili che possono essere alimentati a propano o a carbonella. Essendo progettati per essere comodi e pratici da trasportare, presentano dimensioni ridotte, quindi sono ideali per un picnic o un campeggio, ma ovviamente non sono indicati se si deve cucinare per molte persone. I barbecue portatili sono anche la soluzione migliore per chi cerca una soluzione compatta e poco ingombrante da tenere in casa perché non dispone di molto spazio.

Barbecue con affumicatore

Lo smoker è formato da uno scompartimento dove viene posta la legna, la quale poi bruciando produce il fumo che sale verso l’altro scompartimento dove si trova il cibo che viene così affumicato. Si tratta di un tipo di cottura molto lenta ed è un’operazione abbastanza elaborata perciò gli smoker non sono molto utilizzati, ma esistono dei modelli di barbecue con affumicatore integrato che permettono di avere sia le tradizionali griglie che lo smoker nello stesso prodotto per chi vuole cimentarsi in questo tipo di cottura.

Sicurezza

Qualunque tipo di barbecue scegliate è necessario prestare molta attenzione alla sicurezza. Se avete intenzione di cuocere sul balcone, posizionatelo distante dalla parete e dalla ringhiera perché i grassi dei cibi potrebbero prendere fuoco e creare delle fiammate, mentre in giardino o in campeggio non appoggiatelo direttamente sull’erba. Tenete sempre a portata di mano dell’acqua, una coperta antifiamma o un piccolo estintore portatile per eventuali emergenze.

Dove acquistarli a Trieste

  • Giugovaz (Via Barbariga, 12)

  • Bricofer (Via Valmaura, 16)

  • Unieuro City (Via Matteo Renati Imbriani, 8)

  • MediaWorld (Via Italo Svevo, 14)

  • Unieuro (Via Giulia, 75/3)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Come arredare un monolocale sfruttando gli spazi in maniera ottimale

  • Quando accendere i termosifoni, tutte le date e gli orari città per città

  • Fonte di calore eco-sostenibile, perché scegliere il camino in bioetanolo

  • Cappa filtrante o cappa aspirante in cucina? Ecco le differenze

  • I metodi naturali per eliminare i fastidiosi insetti della dispensa

Torna su
TriestePrima è in caricamento