Permuta immobiliare per cambiare casa ad una cifra contenuta: come funziona

Esiste una strada alternativa a quella della compravendita che ci permette di trovare una nuova abitazione senza investire cifre esagerate: stiamo parlando della permuta immobiliare. Scopriamo insieme di cosa si tratta

Spesso cambiare casa sembra un passo complesso, ma in realtà potrebbe dimostrarsi più facile del previsto. Esiste, infatti, una strada alternativa a quella della compravendita che ci permette di trovare una nuova abitazione senza investire cifre esagerate: stiamo parlando della permuta immobiliare. Scopriamo insieme di cosa si tratta.

Permuta immobiliare: cos'è

La permuta immobiliare è un contratto, disciplinato dall’art. 1552 del Codice Civile, che ha per oggetto il reciproco trasferimento della proprietà di cose, o di altri diritti, da un contraente all’altro. In poche parole, attraverso essa, i proprietari si scambiano le rispettive case, trasferendone vicendevolmente la proprietà all’altro soggetto. Potremmo definirlo un baratto, quindi, ma che prevede specifiche regole.

Tipi di permuta immobiliare

Esistono differenti tipi di permuta immobiliare:

  • permuta immobiliare pura: in questo caso, i contraenti ritengono che le loro abitazioni hanno lo stesso valore e che, quindi, è sufficiente uno scambio “bene contro bene”, senza necessità di aggiungere un corrispettivo in denaro.

  • Permuta con conguaglio: al contrario, la permuta sarà con conguaglio quando il valore dei due beni è differente, di conseguenza, lo scambio potrà andare a buon fine solo aggiungendo un corrispettivo in denaro al fine di colmare il gap esistente.

  • Permuta diretta: qualora lo scambio avvenga tra due privati.

  • Permuta in conto vendita: quando lo scambio avviene tra un privato e un’azienda.

  • Permuta indiretta: se l’operazione avviene con due transazioni separate.

Vantaggi

La scelta di cambiare casa tramite una permuta immobiliare è sicuramente più vantaggiosa rispetto alla compravendita, perché consente di scambiare l’immobile senza investire somme considerevoli e senza dover necessariamente accendere un mutuo. Inoltre, anche se le spese per la permuta immobiliare variano in relazione alle circostanze concrete, il costo finale dell’operazione risulterà quasi sempre più conveniente rispetto a quello di una normale vendita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Spese

Le spese inerenti all’operazione di permuta variano in base ai singoli casi, ma si pagano solo su un immobile anziché su due: per il trasferimento sarà necessaria un’imposta di registro determinata in base al valore del bene che dà luogo all’applicazione della maggiore imposta. Al fine di stabilire l’imposta di registro dovuta per l’atto di permuta, come spiegato dall’Agenzia delle Entrate, bisogna calcolare l’imposta di registro relativa a ciascun trasferimento in modo da individuare quella più elevata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casa in affitto: a chi spetta e come funziona il rimborso Irpef

  • Rimedi naturali: come eliminare gli acari dal materasso

  • Certificato di agibilità, cos'è e come funziona

  • Terriccio basico o acido? I consigli per far crescere le piante in salute

  • Fiori e piante da coltivare in terrazzo, idee e consigli

  • Coronavirus: come richiedere la sospensione del mutuo grazie al Fondo di solidarietà

Torna su
TriestePrima è in caricamento