Balconi in condominio, come si ripartiscono le spese di manutenzione e ristrutturazione?

Vivere in un condominio non è sempre facile, a volte possono nascere delle questioni in quanto alcune scelte riguardanti l'edificio devono necessariamente essere prese di comune accordo. Tra queste, ad esempio, ricordiamo la manutenzione dei balconi e la ripartizione delle spese

Vivere in un condominio non è sempre facile, a volte possono nascere delle questioni in quanto alcune scelte riguardanti l'edificio devono necessariamente essere prese di comune accordo. Tra queste, ad esempio, ricordiamo la manutenzione dei balconi e la conseguente ripartizione delle spese. Per prima cosa, è bene precisare che le spese per riparare o mantenere in buono stato i balconi condominiali devono essere ripartite in base alla tipologia di balcone e alla funzione degli elementi da ristrutturare.

Tipologie

Se, come abbiamo detto, le spese dipendono dalla tipologia di balcone, partiamo distinguendone due principali:

  • balconi aggettanti, ovvero la tipologia più tradizionale, si tratta un balcone che sporge dal muro;

  • balconi incassati, realizzati a filo della facciata senza sporgere dal muro.

Ma come funzionano le spese? Scopriamolo.

Spese manutenzione, sono comuni o no?

La ripartizione delle spese segue un principio generale semplicissimo: se la manutenzione o il rifacimento ha delle esigenze che riguardano l'intero fabbricato e quindi, riguarda una parte del balcone utile a tutto il fabbricato, dovranno partecipare tutti i condomini. In caso contrario, tutte le spese saranno a carico del proprietario del balcone.

Spese balconi aggettanti

Il balcone aggettante, come già accennato, è sporgente rispetto al fronte facciata, di conseguenza la legge lo ritiene appartenere in via esclusiva al proprietario perché non svolge alcuna funzione di sostegno, né di copertura dell’edificio. Questa tipologia di balcone, quindi, non rientra tra le parti comuni del condominio elencate nel codice civile. A questa regola, però, fa eccezione la situazione dei balconi che siano dotati di rivestimenti e/o elementi decorativi che, inserendosi nel prospetto dell’edificio, contribuiscono all’estetica dello stabile. In tal caso, questi elementi vengono ritenuti beni comuni e dunque le spese di ristrutturazione dovranno ripartirsi tra tutti i condomini in base ai millesimi.

Spese balconi incassati

Per i balconi incassati, le spese riguardano essenzialmente la manutenzione e la ricostruzione dei soffitti, delle volte e dei solai e sono sostenute dai proprietari dei due piani l’uno all’altro sovrastanti, l'unica differenza consiste nel fatto che la copertura del pavimento resta a carico del proprietario del piano superiore, e l'intonaco a carico del proprietario del piano inferiore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Abbinare antico e moderno: i consigli per un equilibrio perfetto

  • Certificato di agibilità, cos'è e come funziona

  • Fiori e piante da coltivare in terrazzo, idee e consigli

  • Terriccio basico o acido? I consigli per far crescere le piante in salute

  • Mutuo 100%: cos'è e come funziona

  • Arredamento e accessori: i colori della primavera in casa

Torna su
TriestePrima è in caricamento