Lastrico solare o terrazzo in condominio: differenze strutturali, di manutenzione e ripartizione spese

Un terrazzo e un lastrico solare sono due strutture diverse che presentano differenze sia a livello funzionale che strutturale, tali differenze si riflettono anche sulle spese di manutenzione e sulla ripartizione dei costi in un condominio. Scopriamole

Spesso si tende a considerare che un lastrico solare e un terrazzo siano la stessa cosa, in quanto, in generale, la funzione di entrambi è quella di copertura. In realtà, si tratta di due strutture diverse che presentano differenze a livello strutturale che si riflettono inevitabilmente sulle spese di manutenzione e sulla ripartizione dei costi se viviamo in un condominio. 

Cos'è un lastrico solare?

Per lastrico solare si intende una superficie piana posta sulla parte superiore dell’edificio a copertura dello stesso. In poche parole, si tratta di un tetto che funge da copertura degli ambienti sottostanti.

I terrazzi

Un terrazzo, al contrario del lastrico solare, è spesso pavimentato e delimitato da ringhiere o muretti che consentono di poter godere di un affaccio. Di conseguenza, per il modo in cui è realizzato, il terrazzo non serve a coprire le verticali di edifici sottostanti, ma a dare delle comodità all’appartamento cui è collegato, perché costituisce una proiezione verso l’esterno (cfr. sent. n. 2924/1986).

Manutenzione lastrico solare

Il lastrico solare può essere di proprietà e uso comune del Condominio, ma può essere anche di proprietà esclusiva di un condomino.

  • Nel caso i lastrici solari siano di uso comune, le spese per riparazione, manutenzione e ricostruzione dovranno essere sostenute dai condomini in misura proporzionale al valore della proprietà di ciascuno ai sensi dell’art. 1123 del codice civile.

  • L’art. 1126 c.c., invece, precisa che, qualora l’uso dei lastrici solari o di una parte di essi sia di proprietà di un singolo, quelli che ne hanno l’uso esclusivo saranno tenuti a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico, mentre gli altri due terzi saranno a carico di tutti i condomini dell’edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno.

Tale criterio di ripartizione si applica per ogni spesa ordinaria e straordinaria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Manutenzione terrazzo

L'art. 1126 c.c. si riferisce anche ai terrazzi e agli elementi utili al completamento di questi ultimi qualora questo sia di proprietà, uso comune o concesso in uso esclusivo. Da un lato, i terrazzi a livello si considerano come facenti parte, strutturalmente e funzionalmente, degli appartamenti da cui vi si accede, e al cui uso esclusivo essi sono destinati, tuttavia, poiché il terrazzo, anche se di proprietà di un singolo condomino, funge di fatto da copertura nei confronti degli appartamenti che si trovano al di sotto, questa avrà la stessa funzione di un lastrico solare e, dunque, tutti i condomini dovranno, secondo le regole e i criteri stabiliti dal codice civile,  contribuire alla sua riparazione o ricostruzione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piante da appartamento: come prendersene cura

  • Porcellini di terra: cosa sono e come comportarci se li troviamo in giardino

  • Estate in arrivo, come combattere l’invasione delle formiche in casa

  • Aria condizionata e Covid: pareri e consigli per un uso corretto e sicuro

  • Zanzariere, costi e caratteristiche dei modelli da installare in casa

  • Arredare un piccolo giardino, idee e suggerimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento