Condizionatore aria, i trucchi per una perfetta igiene

Nonostante durante la stagione estiva esistono diversi metodi per difenderci dal forte caldo, è il condizionatore che ci salva dall'afa. Per godere del fresco, senza mettere a rischio la nostra salute è importante dedicare qualche minuto alla sua pulizia

È risaputo, nonostante durante la stagione estiva esistono diversi metodi per difenderci dal forte caldo, dall'uso di tende da sole, al chiudere le tapparelle ed aprire le finestre nelle ore più fresche, è il condizionatore che ci salva dalla terribile afa estiva, aiutandoci a non passare delle notti insonni e tanto più. Il refrigerio concessoci dal condizionatore, però, necessita di cura, l'apparecchio deve essere disinfettato prima e dopo la stagione dell'utilizzo. Come pulizia ordinaria, sicuramente, è bene pulire di tanto in tanto l’unità esterna del condizionatore e gli split interni per rimuovere la polvere superficiale. Per quanto, invece, riguarda la pulizia straordinaria è bene tienere presente che è importante farne una approfondita almeno una o due volte l’anno.

Manutenzione

Con il condizionatore basta premere un pulsante e in un attimo avremo la giusta temperatura, ma per ottenere il massimo dall'elettrodomestico, godere in pieno del fresco e avere costi in bolletta ridotti, dobbiamo prestargli qualche attenzione. La manutenzione non comporta sforzi eccessivi e può essere realizzata con il semplice fai da te. Durante le pulizie di primavera o autunnali, non dobbiamo far altro che inserire nella lista delle cose da fare anche il condizionatore. L'apparecchio, infatti deve essere pulito almeno due volte l'anno, nei mesi primaverili, prima di accenderlo in vista dell'estate e ad ottobre quando lo sostituiamo con i termosifoni. Avere il condizionatore pulito vuol dire respirare aria pulita, soprattutto quando in casa ci sono bambini, il filtro senza incrostazioni non solo limiterà la proliferazione di batteri e polveri, fastidiosi per chi ha allergie, ma eviterà blocchi quando è in funzione, prolungandone la durata. Vediamo qualche trucco e consiglio per pulire il condizionatore e il filtro.

Come pulire il condizionatore

La prima cosa da fare è staccare la presa dell'alimentazione elettrica, per non rischiare spiacevoli incidenti durante le fasi di pulizia. Una volta messo in sicurezza il condizionatore, non ci resta che iniziare. Tolto il coperchio esterno dell'apparecchio, dobbiamo rimuovere la polvere. Il metodo più veloce ed efficace è quello di utilizzare l'aspirapolvere. In pochi minuti il nostro condizionatore sarà libero dalla polvere che si è accumulata nel corso dei mesi. Per esseri sicuri e avere una pulizia approfondita, non dovete far altro che munirvi di un panno in microfibra, di uno sgrassatore per rimuovere lo sporco e l'unto e un buon germicida e passarli nella parte interna del condizionatore. Se non amate i prodotti chimici, potete utilizzare prodotti naturali come l'aceto, ottimo contro il grasso, o il Tea Tree Oil una soluzione naturale che disinfetta, deodora e rispetta l'ambiente. Basta diluirne poche gocce in acqua e aceto e avrete il vostro detergente naturale.

Come pulire il filtro

Pulito l'interno, non ci resta che dedicarci al filtro, la parte dell'apparecchio che raccoglie di più sporco e batteri. Se il condizionatore è formato da carboni attivi, dobbiamo togliere quelli esauriti e lavare con acqua tiepida quelli ancora buoni. Se l'apparecchio ha i filtri normali, li dobbiamo smontare facendo molta attenzione a non romperli. Dopo averli spolverati con un aspirapolvere o uno straccio, per rimuovere l'eccesso di polvere, dobbiamo lavarlo. Immergete il filtro in acqua tiepida e sapone neutro, una volta tolto lo sporco superficiale, è bene disinfettarlo e sgrassarlo con appositi prodotti. Per una scelta green i detergenti chimici possono essere sostituiti da acqua e aceto di vino o bicarbonato, entrambi ottimi sgrassatori e disinfettanti. A lavaggio ultimato non dovete far altro che farlo asciugare all'aria aperta lontano dal sole prima di rimetterlo al suo posto.

Come pulire le bocchette

Per un lavoro accurato dobbiamo perdere un po' di tempo per le bocchette di emissione e la parte esterna. Con panno e prodotti indicati dobbiamo pulire le prime. Una volta asciutte e brillanti possiamo inserire il filtro con delicatezza per non farlo rompere. Per quanto riguarda la parte esterna, anche in questo caso prima di iniziare dobbiamo staccare la presa della corrente. Una volta fatto questo dobbiamo passare l'aspirapolvere per rimuovere polline, polvere e smog, a questo punto con un panno umido imbevuto di detergenti chimici o naturali puliamo e sanifichiamo il condizionatore. Terminata la pulizia, possiamo accenderlo e provare se tutto funziona alla perfezione e se l'aria esce in modo omogeneo. 

Ditte specializzate a Trieste

In caso di unità interne ed esterne particolarmente sporche, per avere un lavoro ottimale e per una pulizia più accurata, come il trattamento disinfettante e antisettico effettuati con prodotti antibatterici specifici, è consigliabile rivolgersi a dei professionisti del settore. Ecco, a questo proposito, alcune idee:

  • Frigid Borromeo di Romano Maurizio e Giulio Snc (Via S. Giacomo in Monte, 2 - Trieste)

  • Vecta Climatizzatori e Caldaie (Via del Coroneo, 39/a - Trieste)

  • La Climatizzazione Trieste Srl (Via Colombara Vignano, 4 - Muggia)

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piano cottura ad induzione: vantaggi, costi e consumi

  • Come arredare un monolocale sfruttando gli spazi in maniera ottimale

  • Quando accendere i termosifoni, tutte le date e gli orari città per città

  • Fonte di calore eco-sostenibile, perché scegliere il camino in bioetanolo

  • Cappa filtrante o cappa aspirante in cucina? Ecco le differenze

  • Idee e consigli pratici per arredare l'ingresso di casa

Torna su
TriestePrima è in caricamento