Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Deceduta in ospedale la donna investita da un autobus

L'incidente è avvenuto nel mattino tra piazza Goldoni e via Mazzini. La vittima è stata ricoverata in prognosi riservata ma non ce l'ha fatta e il decesso è stato dichiarato poche ore dopo
Torna a Deceduta in ospedale la donna investita da un autobus

Commenti (38)

  • Dai commenti che ho postato qui sotto può sembrare che io voglia colpevolizzare l'intera categoria degli autisti. Non è così. Dico solo che anche gli autisti , o perlomeno alcuni, non sempre rispettano le regole del codice e quelle della prudenza. Come non è giusto buttare la croce addosso ai pedoni. Certo ci sono quelli che pensano di esserei padroni della strada e credono di poter fare i loro comodi. Stamattina stavo in piazza Goldoni in attesa della 10 verso piazza Unità. Da via Carducci arrivava un autobus della 11. Improvvisamente un ragazzino attraversò di corsa la piazza in diagonale tagliando la strada all'autobus che ha fatto appena n tempo a frenare. Poco tempo prima in piazza Verdi un pedone attraversò di corsa le strisce pedonali diretto in via Carducci proprio nello stesso momento in cui arrivava un autobus della linea 1 che dette un grosso colpo di clacson. Bene, in questo caso dovrebbero esserci vigili pronti a dar la multa al pedone che attraversa col rosso, e anche salata

    • In piazza Verdi dubito fortemente che passa la 1

  • La signora è passata col rosso e ha pagato con la vita una sua distrazione per la quale non si può e non si deve colpevolizzare l autista che aveva verde ed è giustamente partito. Ogni giorno vedo personalmente gente imbecille che su quel incrocio attraversa col rosso gente di ogni età che coi telefoni in mano messaggiando assorti nei loro pensieri se ne fregano del pericolo e non guardano il semaforo. Per cui piena solidarietà all incolpevole autista che comunque essendo appena partito aveva una velocità quasi nulla e che questo triste fatto serva da lezione a tutti i pedoni ebeti che ogni giorno e ovunque attraversano col rosso. É ora di finirla di dare sempre la colpa agli automobilisti. Se ho il verde passo se tu col rosso insisti a voler attraversare ti prendi i tuoi rischi e ne accetti ogni risvolto punto.

    • Gentile signore, se questo incidente accadevaa a sua madre, sua sorella, sua figlia, sua moglie o a qualche altro suo parente si sarebbe espresso ugualmente con l'infelice frase: "che questo fatto serva da lesione"? Perchè un momento di distrazione può succedere a tutti e non per questo chi è alla guida di un mezzo, specialmente un autobus di 18 metri, ha la licenza di uccidere. Non so e non ho visto la dinamica dell'incidente ma mi sembra di dover dire una cosa: se la signora aveva già impegnato il passaggio pedonale e l'autobus è sopraggiunto dopo, proprio perchè procedeva a bassa velocità, aveva tutto il tempo di vedere il pedone e inchiodare.Tanto piu che quel tipo di veicolo ha un sistema di frenatura che basta toccare il pedale del freno che si blocca avendo poca velocità d'inerzia. Lo dimostra il fatto che quando gli autisti frenano di colpo è difficile reggersi iin piedi all'interno degli autobus. Se invece, come penso lei affermi, lla signora ha attraversato quando già l'autobus aveva impegnato il passaggio pedonale, allora l'autista non avrebbe alcuna responsabilità Rewsta però il fatto che chiunque guidi un mezzo (autobus o altro) in prossimità di un passaggio pedonale deve innanzitutto guardare al marciapiedi e vedere se ci sono pedoni che hanno intenzione di attraversare e quantomeno dare un colpo di clacson per avvertirli. Specialmente in quel punto in cui il passaggio pedonale risulta sulla curva.e questo è un altro errore di chi ha dipinto le strisce in un punto in cui il pedone che attraversa da sinistra non ha la visuale per vedere se sopraggiunge un autobus tanto piu che quelli di 18 metri sono silenziosi avendo il motore in fondo. Quindi che sia passata cik rissi potrebbe essere imputata solo di aver violato una norma del codice della strada. Quanto agli autisti degli autobus, beh, molto spesso non sono gli angioletti e le vittime che si vuole far credere. Parlo per esperienza. Nel 1998 stavo attraversando sulle strisce pedonali poste all'altezza della farmacia di via mazzini. Stavo già al centro della strada quando un 18 metri della linea 10 arrivò a forte velocità e mi investè in pieno, frenando solo quando già stava sopra il passaggio pedonale. Ci furono quattro feriti sull'autobus tra cui una signora incinta che fu trasportata d'urgenza al Byrlo. Io ebbi quattro costole fratturate e un trauma cranico. L'autista evidentemente, da lontano, aveva visto il semaforo verde all'incrocio di via imbriani e passato l'incrocio ha continuato a correre. La Trieste Trasporti ebbe la faccia tosta di chiedermi una polizza di Responsabilià ò civile per danni a terzi affermando che io avevo "investito l'autobus" e che mi riteneva responsabile dei feriti a bordo poichè io sarei sceso dal marciapiedi all'ultimo momento quando già l'autobus aveva impegnato il passaggio pedonale. E questo contro l'evidenza dei fatti e contro le testimonianze della gente che aveva assistito all'incidente. L'avvocato che mi assisteva quando gli mostrai la lettera che avevo ricevuto dalla Trieste Trasporti si è fatta una ricca risata dicendo: ma questi ci sono o ci fanno? Un tanto per dire che spesso gli autisti guidano "allegramente" (se questo sia il caso dell'incidente di Piazza Goldoni non so e non posso dire non avendo assistito al fatto ) ma so per certo che non sempre sono esenti da colpe specialmente quando, vedendo un semaforo verde, accelerano di colpo rischiando che il semafora volti al rosso all'ultimo momento. Quindi caro signore, c'ò poco da "imparare la lezione". Avrei voluto vedere se Lei avesse perduto una persona cara in un tal frangente. Ci rifletta

      • Dubito che nel 1998 ci fossero già i 18 metri in circolazione

  • Bisogna dir anche che i bus, sopratutto i più lunghi, gavendo il motor de drio, non se li senti minimamente rivar...aggiungemoghe magari una distrazion della povera signora... Pace all'anima sua.

    • Giusta osservazione. Forse in tal caso sarebbe utile munire gli stessi di segnalatori acustici come si fa nelle citta' dove circolano i taxi elettrici.

      • Esatto miky

      • Desso metteremo i bus con le trombette da stadio davanti così li sentì, dopo vedemo a chi ghè de la colpa se succede qualcosa

        • Appunto che metteremo anche le sirene come la Puglia, tanto noi la sentissi neanche quella

  • Ma che c'entra l'autista,non penso che pensava ad altro o guardava altrove.....CARA/O MIKY, in quel punto la velocità e praticamente nulla, il fatto stà che magari la donna ha attraversato all'ultimo momento e con il rosso....e vedo tantissima gente che lo fà......ci vorrebbero più vigili in borghese e giù multe, forse toccandogli il portafoglio la gente comincierebbe ad aver rispetto delle regole....

    • Centra eccome ... il sinistro va comunque evitato anche se si e' nella ragione! Altrimenti ci sarebbero morti investiti ogni giorno e sinistri a centinaia. Mi scusi ma io la penso cosi', e anche il codice della strada.

      • Bisogna vedere anche dove è avvenuto l' impatto. Cioè se davanti al muso del bus oppure sulla fiancata. Nel senso che il pedone sbadata mente sia sceso dal marciapiedi e abbia sbattuto contro la fiancata del bus. Tutto questo lo appureranno le telecamere. Comunque se mi permette il codice della strada mi lascia perplesso in molti casi

  • Mi dispiace molto anche per l'autista. Con gli anni pero' ci si rende conto che la prudenza quando si e' alla guida non e' mai troppa ... In quel punto, con quel mezzo, la velocita' dovrebbe essere vicina allo zero e ne deduco che se non e' riuscito a bloccare l'autobus in tempo il guidatore pensava ad altro e guardava altrove ...

    • Il bus era appena partito dalla fermata non poteva aver già preso velocità. Il pedone è sceso dal marciapiedi con KL rosso

      • Proprio la bassa velocità avrebbe dato l tempo al conducente di inchiodare. Resta da vedere se la signora aveva già impegnato il passaggio pedonale prima del sopraggiungere dell'autobus (in questo caso che sia passata cool rosso è perfettamente ininfluente, al massimo si sarebbe presa una multa) In quel punto anche se passi col verde molti autobus non si fermano ma rallentano un poco. Se un pedone prende paura rischia di essere investito. Altra cosa è se la signora ha impegnato il passaggio pedonale quando già l'autobus l'aveva fatto. Ma in questo caso, come si è detto,avrebbe sbattuto sulla fiancata e non sul muso

    • Che colpe gà l'autista? Ricordo che su quel punto ma anche i tanti altri punti quando un bus fa una curva, l'autista devi guardare el specchietto dx o sx in base alla curva per evitar de ciapar muri semafori marciapiedi ecc ecc, per di più devi guardar avanti! Quindi inutile dir che l'autista fazeva altro, e oltretutto ricordo che un bus durante una curva gà anche un angolo cieco

      • Esatto, deve guardare a destra e sinistra, ma non sol per vedere se ci sono muri, o semafori ma soprattutto se c'ò gente che attraversa la strada col rosso o col verde. Ci sono autisti che guidano col telefonino in mano e che parlano con colleghi, amnici e conoscenti mentre guidano. Non voglio dire che questo sia una di questi casi, ma spesso gli autisti non sono esenti da tali responsabilità

      • Ha mai sentito un guidatore di autobus dare un colpo do clacson? Io no.

        • Concordo

        • Lavite le recie alora..

        • Io si e ogni giorno lunga tutta la via Carducci sulla corsia preferenziale degli autobus perché c'è sempre gente che attende il semaforo verde pedonale sempre sul bordo del marciapiede o addirittura giù dal marciapiede! Per non parlare in largo barriera quando scatta il verde per gli autobus che sono sulla loro corsia, nonostante il rosso per i pedoni devono per forza voler attraversare, uguale li della luminosa

  • Comunque credo che essendo sulle righe pedonali comunque l’autista avrà rogne...

    • Quando c'è un morto rogne le hai sempre sia che si abbia ragione o torto

  • Xe inutile congeturar tanto e incavolarse: i bus ga la telecamera? Se vederà con quela e po' parleremo.

    • giusto

  • la bona de borgo diria :-"no se capisi a...no se capisi !!!"

  • Come non se capissi la dinamica? Allora a cosa serve le telecamere? Giusto così x

    • La xe un semaforo e quando el bus parti dalla fermata col verde i pedoni ga rosso

      • non sempre, qualche volta el bus ga verde ma el semaforo peer el pedon xe ancora giallo. Noi xe perfettamente sincronzzadi

        • E invece i pedoni gà el semaforo rosso quando el bus gà el verde

      • Infatti. Ed ogni giorno passo in quel punto e vedo gente che si avventa ,pur avendo il rosso , per attraversare!!! E per la maggiore non sono giovani col cellulare in mano.... Dispiace perché comunque ha perso la vita una persona, ma se fosse uno di questi casi non vedo perché colpevolizzare in alcun modo un autista.

      • Si, ma in mezzo c'e' il giallo, ed erroneamente anziche' rallentare come previsto dal codice della strada molti accelerano. Niente di piu' sbagliato!

        • Esattamente, quando vedono il giallo acclerano per non perdere la precedenza. Come ho detto in un commento precedente è successo a me. E questo succede perchè gli autisti hanno i tempi contingentati. Devono percorrere il tragitto da capolinea a capolinea in un certo empo. E se per caso arrivano in ritardo non hanno nemmeno il tempo di fare la pipi. Manca il personale. Questo grazie alla privatizzazione del servizio. Finchè esistevano le municipalizzate non si parlava nemmeno di incidenti. Gli autisti devono correre per non pagarepenali

      • Ooooo bravo almeno un che ragiona come mi

Torna su
TriestePrima è in caricamento