28 Clandestini Fermati sul Carso: 3 Chiedono Asilo Politico

Hanno percorso la "rotta balcanica" camminando anche per più di 15 ore al giorno Infreddoliti, affamati, allo stremo delle forze. Così sono apparsi i ventotto clandestini fermati nella mattinata di ieri sull’altopiano carsico dalla IV Zona...

Hanno percorso la "rotta balcanica" camminando anche per più di 15 ore al giorno

Infreddoliti, affamati, allo stremo delle forze. Così sono apparsi i ventotto clandestini fermati nella mattinata di ieri sull'altopiano carsico dalla IV Zona Polizia di Frontiera - Settore di Trieste. Si tratta di cittadini eritrei, pakistani, siriani, somali e sudanesi, di età compresa tra i 17 e i 40 anni; nel gruppo ci sono anche cinque donne.

Il personale della Polizia di Frontiera ha immediatamente provveduto alle loro prime necessità. Gli extracomunitari sono stati rintracciati in piccoli gruppi nell'ambito dei consueti controlli di retrovalico che sono stati ulteriormente potenziati soprattutto per far fronte al fenomeno dell'immigrazione illegale. Al termine delle verifiche, tre di loro hanno chiesto asilo politico e l'unico minorenne è stato affidato a un'idonea struttura; tutti gli altri sono stati, invece, sottoposti alle previste procedure amministrative.

Secondo i primi accertamenti, tutti i ventotto clandestini avrebbero viaggiato, nell'ultimo tratto verso l'Italia, all'interno di un furgone, ammassati l'uno sull'altro, in condizioni di grande disagio. Una volta scaricati dal furgone, i clandestini avrebbero proseguito a piedi, per essere poco dopo fermati dalle pattuglie. All'arrivo in Italia, si sarebbero cambiati i vestiti:infatti, sono stati rinvenuti, tra i cespugli (in foto), cumuli di indumenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In tempi diversi e con vari mezzi di fortuna, gli extracomunitari avrebbero viaggiato attraverso la cosiddetta rotta balcanica. Molti di loro avrebbero anche percorso a piedi lunghi tratti in zone montane impervie, camminando per più di quindici ore al giorno. Tutti avrebbero pagato agli organizzatori cospicue somme di denaro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento