Nasce Scubat, il gruppo Facebook a sostegno di Borsatti

Il gruppo, collegato ad una petizione sulla piattaforma change.org, nasce a seguito di una questione legale insorta fra il Maestro Borsatti e la Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste.

Nasce SCUBAT (Sto Con Ugo Borsatti Artista Triestino), il gruppo Facebook che sostiene in prima linea il fotografo Ugo Borsatti. Il gruppo, collegato ad una petizione sulla piattaforma change.org, nasce a seguito di una questione legale insorta fra il Maestro Borsatti e la Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste. Quest'ultima, il 29 dicembre 2000, ha acquistato l’archivio del Maestro, "sostenendo - si legge nel testo della petizione- , attraverso una dubbia interpretazione del contratto, di averne l’esclusivo utilizzo e, pur non avendo realizzato nulla per renderlo disponibile a tutti, nega nello stesso tempo la possibilità al Maestro di utilizzare i suoi scatti, che sono ormai la sua sola fonte di reddito, per la pubblicazione di libri o l’organizzazione di eventi e, non contenta, chiede un indennizzo abnorme".

"Con questa petizione - si specifica - non si vuole entrare nel merito del giudizio in corso davanti al magistrato, quanto piuttosto di chiedere alla Fondazione Cassa di Risparmio di Trieste di recedere dalla causa contro il Maestro Borsatti e di procedere ad una interpretazione o, nel caso, una modificazione del contratto che consenta al Maestro l’utilizzo dei suoi scatti per la pubblicazione di libri o la predisposizione di mostre o incontri".

Per saperne di più e per firmare la petizione qui il link di change.org

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Scomparso in Istria un triestino di 58 anni

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento