Il Burlo ci dirà come sta l'Italia

L'ospedale infantile coordinerà la ricerca che per venti mesi vedrà coinvolti 14 istituti italiani e oltre 40 ricercatori, nella raccolta di indicatori utili a tracciare un quadro dei principali fattori di rischio che impattano sulla salute degli italiani. Dai risultati dipenderanno le politiche sanitarie del futuro

Sarà il Burlo Garofolo di Trieste a coordinare la ricerca che per venti mesi - da ottobre 2018 a maggio 2020 - vedrà coinvolti 14 istituti italiani e oltre 40 ricercatori, nella raccolta di indicatori utili a tracciare un quadro dei principali fattori di rischio che impattano sulla salute degli italiani (fumo, ambiente, abitudini alimentari, incidenti e molto altro). I dati, a differenza delle edizioni passate, saranno raccolti e suddivisi regione per regione, per consentire una migliore pianificazione delle iniziative sanitarie negli anni a venire.

"Misurazione della salute" a livello loco-regionale

L'edizione 2019 del Global Burden of Disease (GBD) - così si chiama il sistema di "misurazione della salute" nato nel 1991 su richiesta della Banca Mondiale - prevede infatti un'imponente raccolta di informazioni e di analisi a livello loco-regionale, proprio per tracciare un quadro esaustivo di ciò che influisce sulla salute dei cittadini. Il Burlo Garofolo agirà sì a livello nazionale come capofila, ma sarà ovviamente molto presente anche in Friuli Venezia Giulia.

Visto l’importante lavoro di coordinamento svolto dall'ospedale pediatrico del Friuli Venezia Giulia a livello nazionale, la scelta del Burlo come capofila nazionale è stata fatta in accordo tra i centri italiani coinvolti e l'Institute for Health Metrics and Evaluation (IHME), Università di Washington, che gestisce questi studi a livello mondiale.

Il commento del coordinatore dell'iniziativa GBD

"Sono anni che il nostro istituto è impegnato in una raccolta capillare e nell'analisi di dati relativi alle condizioni che modulano lo stato di salute della popolazione," spiega Lorenzo Monasta coordinatore dell'iniziativa GBD per l'Italia e Dirigente Statistico presso la struttura di Epidemiologia clinica e ricerca sui servizi sanitari del Burlo. "La possibilità di coordinare un gruppo di istituti nazionali e di esperti ricercatori italiani come quelli che aderiscono al GDB ci rallegra. La partecipazione di partner competenti ed esperti come quelli italiani garantirà certamente un'alta qualità dei risultati finali, e di conseguenza porrà le basi per scelte sanitarie maggiormente orientate".

I dati

Ma veniamo agli ultimi dati sulla salute mondiale. I risultati del GBD 2017, appena pubblicati dalla rivista Lancet sono frutto del lavoro di 3.676 collaboratori di 146 paesi. L'analisi ha incluso 38 miliardi di dati, su 359 malattie e 84 fattori di rischio.

Il primo dato messo in evidenza dall'IHME è la bassa natalità di 91 paesi fra cui spiccano Italia, Spagna, Portogallo, Norvegia, Cipro, Singapore e Sud Corea, con meno di due figli per donna. Al contrario, 104 paesi tra cui Niger, Mali, Chad, e Sud Sudan compensano il gap, con una media di sette figli per donna. L'Italia risulta quindi tra i paesi in cui il numero di nati non è sufficiente a mantenere l’attuale popolazione.

"La speranza di vita in Italia è tra le migliori del mondo, con una media di 83,2 anni di vita pro capite. Gli uomini vivono in media 80,8 anni (vivono di più solo in Svizzera, Israele e Giappone), mentre le donne vivono 85,3 anni (siamo settimi dopo Giappone, Kuwait, Islanda, Spagna, Francia e Svizzera)", spiega Luca Ronfani, pediatra epidemiologo, Direttore della Struttura di Epidemiologia clinica e ricerca sui servizi sanitari del Burlo.

Quanto alle cause di morte, i dati recenti confermano che la situazione non è molto cambiata dal 1990: anche ora la principale causa di morte per l’Italia sono le malattie cardiovascolari, seguite dai tumori nel loro complesso e da disturbi neurologici. Il morbo di Alzheimer non solo è cresciuto fra le cause di morte (da 59 casi x 100.000 abitanti nel 1990, a 121 casi/100.000 nel 2017), ma è tra le poche cause ad essere cresciuta anche in termini di tasso di mortalità: più del 100%, insieme alla cardiopatia ipertensiva, salita dal 13° al 6° posto, e all’ictus.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Incidenza sulle politiche sanitarie future

Alla luce dei risultati ottenuti con ogni ciclo di raccolta dati, fanno notare Monasta e Ronfani, le serie storiche - cioè le statistiche ottenute nelle precedenti annate - sono rielaborate e indicizzate sulla base di migliori informazioni disponibili. "Vista l'attenzione che l'IHME ha deciso di dare alla raccolta di indicatori su base regionale, in Italia, i prossimi due anni saranno davvero molto importanti. Potremo ottenere dati veramente puntuali sui principali fattori di rischio del Friuli Venezia Giulia - e in Italia - e offrire ai decisori sanitari e politici conoscenze concrete e rigorose da cui partire per orientare lo sviluppo regionale e nazionale."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Frontiere aperte solo per i residenti in Fvg", l'apertura del premier sloveno

  • Da domani mascherine non più obbligatorie all'aperto e a distanza

  • Tragedia sulle rive: cinquantenne muore dopo una caduta in mare

  • Grave incidente a Capodistria: motociclista triestino perde una gamba

  • La dieta a Zona per dimagrire e migliorare le funzioni dell'organismo: come funziona

  • Covid 19: nessun morto in Fvg nelle ultime 48 ore, due nuovi casi a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento