Muggia, il cinema Volta non c'è più

Era ormai ridotto a rudere. I lavori di demolizione erano iniziati nel 2007 con una pausa durata 11 anni. Un pezzo di storia della cittadina rivierasca che se ne va.

L'area dove sorgeva il cinema Volta

Si chiamava Cinema "Volta" e aveva rappresentato un pezzo importante della storia di Muggia. Oggi non c'è più, dopo che l'amministrazione comunale è riuscita nell'intento che alle passate legislature era, per diverse ragioni, sfuggito. 

La storia

La storia di questo edificio racconta che le proiezioni terminarono intorno agli anni Settanta. Dopo l'abbandono, nel 2007 iniziarono i lavori per la demolizione che, come spesso accade per questioni burocratiche e di appalti per lavori gestiti male, si bloccarono subito dopo. Uno spiraglio per il definitivo abbattimento ci fu nel 2010 e nuovamente nel 2014, ma in entrambi i casi il tutto si risolse con un nulla di fatto. 

La memoria

Era ormai un'opera di abbattimento incompiuta. Ridotto ormai ad un rudere, il Cinema "Volta" resta nelle memorie dei molti muggesani che lo frequentavano fino a quarant'anni fa. Da qualche giorno è storia. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

  • Rissa notturna a Sistiana: in sei all’ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento