Rifiuti, Rovis "smaschera" Laureni: «Nessun vantaggio dall'"umido"»

Il consigliere Pdl/Ncd incalza l'assessore durante una seduta commissione del Comune di Trieste convocata per ragguagliare sullo stato dell'Ambiente: «Di quali benefici, ambientali o economici, possono godere ora i Triestini a seguito dell'introduzione della raccolta differenziata dell'umido?»

foto tratta dalla pagina Facebook "Scovazoni de Trieste"

Si sa, da quando il Comune di Trieste ha deciso di dare un giro di vite alla raccolta differenziata, con l'eliminazione programmata dei cassonetti "generici" per far posto alle isole ecoliche e infine l'arrivo dei "bottini" per la raccolta dell'umido, cittadini e politici dell'opposizone hanno alzato la voce per manifestare tutti i loro disagi. Nel corso della conferenza stampa del 29 dicembre 2014, il sindaco Cosolini, insieme all'assessore Laureni e il direttore AcegasApsAmga Gasparetto, aveva spiegato che l'Amministrazione aveva capito gli errori dovuti a certe criticità e risolto questi problemi, ponendo fine per un certo periodo alle critiche dell'opposizione puntando i riflettori sull'incività di pochi che danneggia tutta la comunità.

Oggi però è stato scritto un nuovo capitolo della vicenda: infatti, «durante una commissione del Comune di Trieste convocata per ragguagliare sullo stato dell'Ambiente - spiega Paolo Rovis, capogruppo Pdl in Consiglio comunale, sul suo blog - l'assessore Umberto Laureni (SEL) elenca azioni svolte e cita il risultato raggiunto con la raccolta differenziata: il 40%, un abbondante 15% in più rispetto al passato, grazie alla raccolta separata dell'umido. Bello, tutti felici? Vediamo».

13nov14. Consiglio Comunale Trieste- sfiducia presidente Furlanič (foto di Emanuele Esposito)-13Il consigliere Rovis comincia ha incalzare l'assessore in merito a quelli che sono i «benefici, ambientali o economici, possono godere ora i Triestini a seguito dell'introduzione della raccolta differenziata dell'umido?». «La risposta è stata vaga - spiega il capogruppo Pdl -. "È un fatto culturale", ha motivato l'assessore all'Ambiente».

«Ok - continua Rovis -, ma al di là della cultura (con la quale, diceva qualcuno, non si mangia e se parliamo di rifiuti si mangia ancora meno), i vantaggi concreti quali sono? "Il costo a tonnellata del centro di compostaggio è inferiore rispetto al termovalorizzatore", c'ha provato l'assessore».

«Si, ma la raccolta costa enormemente di più, quindi l'operazione è in perdita. O, meglio, è in pari perché ai Triestini è stata imposta una Tari più cara - evidenzia Paolo Rovis -. E, dal punto di vista ambientale, il termovalorizzatore lavora comunque a pieno ritmo: se si sottraggono rifiuti "triestini", infatti, se ne importano altrettanti da altre province».

«"Non gettiamo nemmeno un grammo di rifiuto in discarica", ha sentenziato Laureni - scrive il consigliere -. Verissimo, ma questo accade da decenni e non c'entra con l'umido. Da questo aspetto, siamo sempre stati una città modello. Quindi, alla seconda ripetizione della mia domanda, la resa: non è stato elencato alcun beneficio. Nè ambientale, né economico. Nessuno».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

  • Rissa notturna a Sistiana: in sei all’ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento