A Marino Sterle la medaglia bronzea del Comune per i suoi primi 25 anni di attività

Marino Sterle con le sue macchine e i suoi obiettivi ha raccontato e racconta per immagini la cronaca, lo sviluppo e le prospettive della nostra città

«Lo conosco da 25 anni e ho sempre apprezzato la sua grande capacità e volontà di fare cose nuove, di essere un maestro della fotografia, capace di portare avanti il nome di Trieste».

Con queste parole il sindaco Roberto Dipiazza ha conferito oggi (venerdì 11 maggio) la medaglia bronzea del Comune di Trieste al fotografo professionista Marino Sterle, per quasi vent'anni a servizio dei quotidiani “Il Piccolo” e “Messaggero Veneto”, che con le sue macchine e i suoi obiettivi ha raccontato e racconta per immagini la cronaca, lo sviluppo e le prospettive della nostra città. Nel corso della breve e significativa cerimonia -svoltasi in un gremito salotto azzurro, dove erano presenti anche i genitori, amici e colleghi di Sterle- il sindaco Dipiazza ha sottolineato «l'impegno di un ragazzo giovane e volonteroso, che ha saputo distinguersi e che merita il riconoscimento della città e ancora tanti e tanti successi». Parole di stima e apprezzamento sono venute anche dall'assessore alla Cultura Giorgio Rossi che ha ribadito come: «Marino non è solo un artista straordinario, ma anche una persona di cui ho sempre apprezzato la grande umanità, la semplicità, il sorriso e la disponibilità. E queste sono doti che vanno al di là dell'arte e che non hanno tutti».

«Per me -ha detto Marino Sterle- è un momento di grande gioia e orgoglio perché sono molto legato alla mia città». Ha quindi ringraziato il sindaco e l'assessore per il riconoscimento, come pure tutti i presenti che hanno voluto condividere questo momento. Un grazie particolare lo ha voluto quindi rivolgere al marchese Guido Carignani, che 25 anni fa lo portò per mano al giornale e da lì iniziò una grande storia di conoscenze e lavoro. Perché -ha aggiunto Sterle- «non esiste corso di formazione migliore per un fotografo che lavorare per un giornale»e dico sempre che «i miei genitori e la mia famiglia mi hanno dato un'educazione e il giornale mi ha insegnato a vivere».

Marino Sterle ha ricordato infine l'importanza dell'etica professionale e dei rapporti con le persone, dedicando questa medaglia ufficiale “alla città che mi ha istruito e dato un lavoro e alla mia famiglia che mi ha sempre sostenuto e spronato, superando gli alti e bassi della vita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • I metodi fai da te per pulire i tappeti in modo efficiente

  • Rissa tra giovani armati di bastoni in largo Barriera, indagini della Polizia

  • "Scambio di persona", spunta un'altra versione sull'aggressione a Muggia

  • Lite in via Carducci, intervento della Squadra Volante

Torna su
TriestePrima è in caricamento