A4: chiusure per due weekend ma arriva un nuovo tratto a tre corsie

Il primo intervento tra il nodo di Portogruaro e Latisana, il secondo dal casello di Latisana al nodo di Palmanova. Per metà mese prevista l’apertura di un tratto di terza corsia da 5 chilometri in entrambe le direzioni dal ponte sul fiume Stella al comune di Castions di Strada

Sono in programma nei prossimi giorni alcuni interventi cruciali sul secondo lotto (nodo di Portogruaro – Alvisopoli) e sul terzo lotto (Alvisopoli – Gonars) per la costruzione della terza corsia della A4. I lavori comporteranno due distinte chiusure autostradali nei prossimi due fine settimana, ovvero sabato 1 e domenica 2 febbraio e sabato 8 e domenica 9 febbraio. Per metà mese è prevista l’apertura al traffico di un ulteriore tratto di terza corsia della lunghezza di cinque chilometri in entrambe le direzioni – dal ponte sul fiume Stella al comune di Castions di Strada - che si aggiungono ai 18,8 chilometri già percorribili.

Le chiusure

Nel primo fine settimana, sabato 1 febbraio e domenica 2, i tecnici di Autovie Venete e le ditte impegnate nel secondo lotto procederanno alla spinta di due scatolari (una sorta di condotte di cemento) sotto il manto autostradale. Gli enormi parallelepipedi della lunghezza di 37 metri e 26 metri consentiranno il collegamento idraulico dei fossi che raccolgono l’acqua della A4.

L’operazione prevede lo scavo del terreno sottostante l’autostrada, la spinta e il posizionamento degli scatolari, il ritombamento dello scavo e la riasfaltatura della strada per permettere la riapertura al traffico. Una cinquantina saranno le persone impegnate e una decina i mezzi utilizzati (frese, finitrici, escavatori e martinetti). Si tratta di un intervento complesso – in particolare per quanto riguarda il manufatto di 37 metri che passerà sotto l’intero nodo di Portogruaro, rampe comprese - che richiederà una chiusura prolungata dell’autostrada nel tratto tra il nodo di Portogruaro e Latisana dalle ore 19,00 di sabato 1 febbraio alle ore 15,00 di domenica 2.

Nella mattinata di giovedì 6 febbraio, invece, verrà riaperto in direzione Venezia lo svincolo di San Giorgio di Nogaro che nel suo assetto definitivo ricalcherà la tipologia del vecchio svincolo, ma con un notevole miglioramento dei raggi di curvatura delle rampe, completamente rifatte. Nell’occasione sarà aperto al traffico anche il nuovo cavalcavia, varato di recente, lungo circa 100 metri e dal peso di 424 tonnellate, che collega le rampe al casello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel fine settimana successivo - sabato 8 e domenica 9 febbraio, si procederà, invece, alla demolizione del vecchio cavalcavia dello svincolo di San Giorgio di Nogaro e allo spostamento di alcune barriere di sicurezza. Il doppio intervento comporterà la chiusura dell’autostrada dal casello di Latisana al nodo di Palmanova in entrambe le direzioni dalle ore 20,00 di sabato 8 febbraio elle ore 08,00 di domenica 9 febbraio. Lo spostamento delle barriere di sicurezza continuerà nei giorni successivi (senza però procedere ad altre chiusure autostradali) e consentirà, a metà febbraio, di aprire un nuovo tratto di terza corsia dal ponte sul fiume Stella al comune di Castions di Strada.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento