I profughi lasciano Aquilinia, Marzi: «Promesse mantenute al 100%»

La sindaco di Muggia: «Dimostrato in questi giorni l'esempio tangibile di come l'umanità, la solidarietà ed il confronto possano far crescere una comunità invece che impoverirla»

frame del video di Paolo Polidori del 4 novembre scorso

Hanno lasciato Aquilinia stamattina i diciotto migranti che per 18 giorni hanno pernottato nell'ex asilo delle canossiane di proprietà della Diocesi di Trieste: «Nessuno “smarrimento”, nessun girovagamento notturno, nessun episodio sotto il profilo dell’ordine e della sicurezza pubblica, nulla di nulla in questi giorni», commenta la sindaco di Muggia Laura Marzi.

«Siamo ormai abituati ad una mediatizzazione fortissima degli effetti di un’accoglienza che fa notizia solo a suon di esempi negativi - ha fatto presente Marzi -. Muggia ha rischiato inizialmente di divenire un manifesto di intolleranza e maleducazione civica, ma la città si è dimostrata invece in questi giorni l’esempio tangibile di come l’umanità, la solidarietà ed il confronto possano far crescere una comunità invece che impoverirla».

«Abbiamo espresso sin da subito la nostra solidarietà a Don Paolo come Amministrazione -  ha ricordato Marzi - e siamo andati più volte a trovarlo in questo periodo. Non solo per accertarci della situazione e incontrare i suoi ospiti, ma anche per garantirgli la massima collaborazione possibile al fine di un buon esito della vicenda. Non posso che ringraziare lui ed i ragazzi che l’hanno affiancato per come sono riusciti a gestire l’accoglienza in un clima di encomiabile rispetto, educazione e serenità».

«Serenità difficile da mantenere considerando le responsabilità che una strumentalizzazione della notizia aveva generato cercando di alimentare e tenere vivo un clima sociale ostile all’accoglienza. Questioni come quelle legate all’accoglienza non possono essere nascoste sotto il tappeto con un semplice diniego, né tanto meno strumentalizzate per tornaconto politico fomentando paure infondate tra i cittadini, ma vanno affrontate. Per questo l’impegno va indirizzato affinchè ogni cosa sia fatta nel miglior modo possibile - ha ricordato la sindaco Laura Marzi -. In tal senso il mio ringraziamento va, infine, alla Prefetto Annapaola Porzio per la grande disponibilità messa in campo a Muggia: in primis per aver chiesto di incontrare i cittadini (un Commissario di Governo che si prende l'onere di incontrare la popolazione accade di rado) e, nonostante le difficoltà di comunicazione dovute dalla “concitazione” di alcuni presenti alla riunione, per non aver desistito dal cercare di dare informazioni e rassicurazioni; e non da meno, poi, per aver mantenuto la parola data sotto ogni aspetto, anticipando addirittura i tempi pronosticati e dimostrando una particolare sensibilità nel cercare di organizzare ogni spostamento in modo da non interferire in alcun modo con i ritmi di vita della comunità».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • ora però in compenso ne arrivano 65, di male in peggio complimenti alla In prefetta!!

  • finalmente una buona notizia, si vede che la contestazione rende.

  • E brava la "nostra" sindaca, una sinistroide fino al midollo che si avvicina in modo così intenso e quasi commovente alla chiesa ed ai suoi tramiti, mi sa tanto di miracoloso !!! Ora, senza pensarci nemmeno un istante, la somma signora restituirà certamente la struttura rimessa a norma in un battibaleno, alla comunità del loco. Sarà pure questo un miracolo oppure un miraggio? Siamo in trepida attesa di nuovi arrivi .... questa è la triste realtà. Vergogna.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Rapina a Trebiciano: identificati due minorenni

  • Cronaca

    Lite tra ubriachi: doppio intervento di Polizia e Carabinieri in via Geppa

  • Cronaca

    Opicina, sassi contro le macchine in corsa

  • Cronaca

    A spasso con il cucciolo, ma un uomo tenta di prenderlo a calci: «Devo avere paura di camminare in città?»

I più letti della settimana

  • Omicidio shock: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

  • Ritrovato Luca: fermato dai Carabinieri e consegnato alla madre

  • Incidente "fotocopia" in via Flavia: scooterista ferito (FOTO)

  • Scappa alla Polizia stradale con auto rubata, poi fugge a piedi e si rompe una gamba

  • Schianto in strada del Friuli: tre auto coinvolte e traffico in tilt (FOTO)

  • "La Porta Rossa" conquista 3,5 milioni di spettatori. Guanciale: «A presto Trieste»

Torna su
TriestePrima è in caricamento