Addio a Don Giuseppe Markuža, parroco di Sgonico

Un infarto fulminante ha colpito il religioso prima di celebrare la Messa Crismale. Era presidente dell’Associazione 'Aposolato dei Santi Cirillo e Metodio'. Sospese le celebrazioni del Triduo Pasquale tra Sgonico e San Pelagio

È stato colto da un infarto fulminante a ottant’anni l'ottantenne don Giuseppe (JožeMarkuža, parroco di Sgonico. Come riporta “Il Friuli”, il sacerdote si è accasciato a terra colto dal fatale malore poco prima della celebrazione della Messa Crismale di ieri mattina. Nonostante l’intervento del personale del 118 e il primo aiuto del defibrillatore presente in parrocchia don Giuseppe è deceduto poche ore dopo all’ospedale di Gorizia.

Chi era Don Giuseppe

Don Jože era nato a Trieste il 18 gennaio 1939. Nel 2004 era stato nominato Amministratore parrocchiale di San Pelagio e parroco di Sgonico e, in quell’anno, è divenuto anche Decano del Decanato di Duino. Nel 2006 era stato anche nominato Amministratore parrocchiale di Aurisina (incarico che ha mantenuto fino al 2009). Era, inoltre, presidente dell’Associazione 'Aposolato dei Santi Cirillo e Metodio'.

Le celebrazioni del Triduo Pasquale tra Sgonico e San Pelagio sono sospese e le due comunità faranno riferimento a quella di Aurisina per questi giorni. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Shock sulla 20, presunta aggressione a ragazza di 17 anni

  • Cronaca

    Sfonda la vetrata di un negozio e ruba 2.600 euro: arrestato

  • Cronaca

    Trieste-Malta, nuovo volo per raggiungere il Mediterraneo

  • Cronaca

    Giorgi lancia il progetto per rivitalizzare le piccole botteghe

I più letti della settimana

  • Auto perde il controllo e si cappotta sul Raccordo Autostradale (VIDEO)

  • Vivono in 35 metri quadri dopo aver perso tutto, la storia di una famiglia a Opicina

  • Shock sulla 20, presunta aggressione a ragazza di 17 anni

  • Sequestra una donna al settimo mese di gravidanza: arrestato

  • Donna trovata morta nel bagagliaio dell'auto

  • La rivista Limes accende il dibattito sul "caso" Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento