Torna a Trieste nonostante il divieto di ritorno: denunciato

Una volante della Polizia è intervenuta per sedare una lite in Scala Santa e ha trovato lo straniero rilevando la sua inottemperanza

Una lite in Scala Santa nella notte tra il 30 giugno e il primo luglio ha richiesto l'intervento di una volante della Polizia. Gli agenti hanno quindi identificato in zona il cittadino afghano T.Y., di 23 anni scoprendo che si trovava a Trieste nonostante un provvedimento di divieto di ritorno nel comune. L'uomo è stato quindi denunciato dalla Polizia. Coinvolti nella lite, almeno altre due persone. 

Si tratta della seconda denuncia per presenza sul territorio nonostante il divieto. L'ultimo episodio risale infatti al 26 giugno quando, dopo una violenta rissa scoppiata in piazza Goldoni, un cittadino afghano, T.Y. di 23 anni, è stato intercettato dagli uomini della Polizia ed è stato denunciato. 

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

  • Maxi frode in tutta Europa con sequestri per 80 milioni di euro e 25 arresti, in carcere doganiere triestino

Torna su
TriestePrima è in caricamento