Alle porte dell'estate, la Pineta si risveglia "pattumiera" a cielo aperto

Dopo il weekend di mare, purtroppo i resti dei bivacchi si fanno notare

foto di Tania Andreutti

Così come il lupo perde il pelo ma non il vizio, appena riparte la stagione estiva, i soliti incivili lasciano la loro firma in Pineta. La situazione fotografata dalla nostra lettrice è diffusa un po' ovunque nello spazio verde fronte mare che le domeniche di sole viene preso d'assedio dai triestini.

Peccato che appunto, i bivacchi della domenica (o del sabato, principalmente sera) lascino tracce indelebili di quell'inciviltà di chi pensa "tanto non è casa mia, tanto puliranno". Un triste spettacolo che il Comune dovrà cancellare inviando il personale di AcegasApsAmga a spese di tutti, come sarà per i Topolini, anche loro degradati quasi a latrina da chi nel periodo invernale a fatto i suoi porci (parola azzeccatissima) comodi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Blitz dei Nas in due locali a Campi Elisi, oltre 12 mila euro di multa

  • "Liberata dall'occupazione jugoslava nel '54", Jerry Scotti fa confusione sulla storia di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento