Allerta meteo, la Regione dichiara lo stato di emergenza

Terza allerta gialla nel giro di pochi giorni da parte della Protezione civile del FVG per tutta la giornata di oggi, venerdì 8 novembre, fino alle 6 di domani.

L'allerta gialla è stata diramata dalla Protezione Civile nella tarda mattinata di oggi. Per tutta la giorata di oggi, 8 novembre, fino alle 6 di domani, 9 novembre, sono previste piogge intense, vento con raffiche forti e mareggiate.

Previsioni meteo

Sono previste precipitazioni intense, anche temporalesche su pianura e costa.La quota neve sarà attorno ai 1800 m circa sulle Prealpi, 1500 m circa sulle Alpi con oscillazioni,verso il Cadore fino a 1000 m circa e saranno possibili accumuli importanti anche al di sotto dei1500 m di quota. Vento sostenuto da sud sulla costa e in quota sui monti. Zero termico in generesui 2000 m. Per la notte sono previste residue precipitazioni, meno continue ma localmentetemporalesche con zero termico in abbassamento a 1700 m circa. sono previste precipitazioni intense, anche temporalesche su pianura e costa.La quota neve sarà attorno ai 1800 m circa sulle Prealpi, 1500 m circa sulle Alpi con oscillazioni,verso il Cadore fino a 1000 m circa e saranno possibili accumuli importanti anche al di sotto dei1500 m di quota. Vento sostenuto da sud sulla costa e in quota sui monti. Zero termico in generesui 2000 m. Per la notte sono previste residue precipitazioni, meno continue ma localmentetemporalesche con zero termico in abbassamento a 1700 m circa. 
 

Stato di emergenza

ll vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi, d'intesa con il governatore Massimiliano Fedriga, ha dichiarato lo stato di emergenza sul territorio regionale a decorrere da oggi, conseguentemente all'urgente necessità di fronteggiare i danni derivanti dal maltempo (piogge intense e vento forte) e di avviare tutti gli interventi a salvaguardia della pubblica incolumità.

Nel dettaglio, dalla mattinata dello scorso 2 novembre sono giunte alla sala operativa della Protezione civile regionale le prime segnalazioni di dissesti diffusi, blackout, frane, criticità idrauliche dei corpi idrici principali e cadute di alberi lungo la viabilità regionale e comunale.

Tra le località più colpite: Taipana, Frisanco, Forgaria Sutrio e Sequals (caduta alberi); Bicinicco, Ontagnano, Sclaunicco, Martignacco, Maniago, Vito d'Asio, Colloredo e Codroipo (blackout elettrici); Rauscedo e Murlis sul torrente Meduna, Remanzacco e Premariacco sul torrente Malina (apertura del servizio di piena e chiusura guadi); Venzone e Fiumicello-Villa Vicentina (allagamento sottopassi); Nimis, Fiume Veneto, Stregna e Savogna (caduta massi); Tarcento, Torreano e Castelnovo del Friuli (fenomeni franosi rischio viabilità); Moggio Udinese (scoperchiamento di un edificio).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di iscritti alle alle università online, ecco quelle riconosciute dal Miur

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

  • Blitz della Finanza sui subappalti in Fincantieri: un arresto, 19 aziende coinvolte e 34 indagati

Torna su
TriestePrima è in caricamento