Androna del Torchio, i residenti: «Schiamazzi di ubriachi fino le 3, auguri di morte agli anziani»

Il video pubblicato sulla pagina Facebook "Androna del Torchio"

«Nonostante le solite generiche rassicurazioni da parte degli amministratori preposti e del Sig. Sindaco Cosolini in persona, noi continuiamo a documentare quale è la nostra realtà nei fine settimana, di noi sfortunati residenti zona Cavana/Cittavecchia». 

È la testimonianza di un abitante della zona postata su  Facebook nella pagina "Androna del Torchio", non nuova a questo tipo di segnalazioni 

«Abbiamo chiamato - spiega il post -  la Polizia locale alle ore 23,55 ma sfortunatamente non avevano macchine a sufficienza perchè pioveva, poi, contattati, i carabinieri alle 23,56 ci hanno promesso che di li a un poco avrebbero mandato una macchina».

«Dopo circa un'ora - sottolinea l'abitante -  gli schiamazzi continuavano ancora ma io essendo costretto a prendere dei farmaci molto potenti a causa del mio male incurabile sono riuscito ad addormentarmi ma, sentendo poi altri residenti, gli schiamazzi sono continuati fino alle 3».

«Abbiamo pubblicato solo la prima parte del video - concludono - ,poichè dopo diventa molto volgare con dei giovinastri ubriachi che augurano il cimitero ai poveri anziani residenti in Cavana».

Nel video inoltre è ben visibile un giovane che tira dei sassi, probabilmente verso la porta d'entrata di una palazzina, con il chiaro intento di provocare gli abitanti.

IL VIDEO

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Muore a 38 anni dopo una caduta con la moto, Dolina piange Devan Santi

  • Frecce Tricolori: lunedì il volo su Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento