Lo chef Cannavacciuolo a Muggia per "Cucine da incubo"

Il celebre cuoco campano dopo la "sortita" dell'ottobre scorso ha deciso di tornare nella cittadina rivierasca per le riprese del famoso format televisivo. Il sindaco Laura Marzi: "Una preziosa occasione per Muggia. Siamo orgogliosi che la nostra città sia stata scelta anche per questa nuova produzione"

foto Archivio

Antonino Canavacciuolo sarà a Muggia dal 21 al 25 gennaio per le riprese del format televisivo "Cucine da incubo". Il celebre chef campano torna così nella cittadina rivierasca per la seconda volta in meno di quattro mesi. Muggia si rivela quindi un buon "spot" per i produttori televisivi, attratti dalle bellezze del nostro territorio. L’escalation televisivo-cine-discografica muggesana era iniziata proprio con lui quando, nell’ottobre scorso, aveva realizzato una divertente puntata dell’amato programma “O mare mio” andato in replica diverse volte su La Nove. 

I giorni di riprese muggesane sono parte di una nuova collaborazione tra la Friuli Venezia Giulia Film Commission e la Società di produzione televisiva Endemol Shine Italy S.p.A. Il format televisivo "Cucine da incubo", giunto ormai alla sua settima stagione, è molto amato dai telespettatori. Si stima che i telespettatori potranno vedere la puntata andare in onda intorno alla fine del mese di marzo prossimo. 

Il programma

Basato sul programma britannico “Ramsay's Kitchen Nightmares”, la versione italiana vede lo chef Antonino Cannavacciuolo impegnato nel compito di aiutare i ristoranti in crisi per scongiurarne il rischio di chiusura. Il programma si divide in varie fasi: in un primo momento lo chef ispeziona il ristorante nel suo aspetto estetico (arredamento e insegne), igienico (sala e cucina) e soprattutto per la qualità delle portate proposte.

Poi osserva il comportamento dello staff durante il servizio serale per individuare gli errori commessi. Infine vi è il restyling del locale e in alcuni casi della cucina, compresa la scelta dei piatti. Dopo aver ideato un menù consono alla situazione, Cannavacciuolo illustra, passo per passo, una o più ricette, oltre che allo chef del ristorante, anche ai telespettatori.

Infine viene mostrato il rilancio del ristorante, durante il quale lo chef osserva nuovamente come lo staff lavora, correggendone, se necessario, le sbavature.

Il commento del sindaco Laura Marzi

“Siamo felici di poter riavere lo chef Cannavacciuolo nella nostra splendida Muggia” ha commentato la prima cittadina. “Ci hanno comunicato che la puntata muggesana di “O mare Mio” ha avuto un significativo riscontro e ne siamo orgogliosi. Ci auguriamo che anche “Cucine da incubo” possa raccogliere lo stesso apprezzamento”.  Secondo la sindaca "È indiscutibile, infatti, che tutti questi progetti siano sicuramente una preziosa occasione per la nostra città e siamo lieti e orgogliosi che la nostra città sia stata scelta anche per questa nuova produzione”. 

“Stiamo lavorando alacremente per promuovere Muggia in ogni modo possibile - ha concluso la Marzi - cercando e cogliendo al volo ogni opportunità che anche dal mercato televisivo, cinematografico e musicale possa essere fatta nostra perché siamo convinti che la promozione di Muggia attraverso i prodotti audiovisivi sia un altro tassello dell'attrattività turistica ed economica della nostra città, che ha in tal modo un’importante occasione in più per far conoscere la propria indiscutibile bellezza”.

Non solo Cannavacciuolo

Al set di "O mare mio" erano seguite, a breve distanza, le riprese del lungometraggio della triestina Katja Colja dal titolo provvisorio “Neverin”, prodotto dalla Minimum Fax Media e dalla società di produzione cinematografica slovena Casablanca in collaborazione con RAI Cinema. “Il silenzio dell’acqua”: è questo il titolo, infatti, della prima serie televisiva approdata a Muggia nel 2018 e che, coprodotta con RTI Mediaset, presto si potrà vedere in onda su Canale 5 in prima serata. Una serie che la Velafilm, composta dai Produttori Tommaso Dazzi e Maurizio Tini, ha realizzato nella città istroveneta con la regia affidata al famoso Pier Belloni, regista già noto per serie televisive quali “RIS” e “Squadra anti-mafia” e che ha vantato un cast di tutto rilievo, con Ambra Angiolini, Giorgio Pasotti, Valentina D’Agostino, Carlotta Natoli, Fausto Sciarappa, Thomas Trabacchi, Camilla Filippi, Mario Sgueglia, Diego Ribon, Claudio Castrogiovanni, Giordano De Plano, oltre ai giovani Sabrina Martina, Caterina Biasol e Riccardo Maria Manera.

La Porta Rossa

Anche la fiction “La Porta Rossa”, ideata da Carlo Lucarelli e diretta da Carmine Elia ha girato a Muggia alcune scene della seconda attesissima stagione, portando fra le vie della città le storie che vedono protagonisti Gabriella Pession nei panni di Anna, e Lino Guanciale in quelli del commissario fantasma Leonardo Cagliostro. La prima stagione della serie Rai è stata un successo di pubblico, tanto da importare il prodotto all’estero, e si auspica che anche la messa in onda della nuova stagione – che potrebbe avvenire già fra poco più di un mese, a due anni di distanza dal debutto del primo ciclo di episodi- raccolga lo stesso significativo apprezzamento.

Il video di Sherine

E sempre di grandi nomi si parla quando si annovera anche quello della cantante -ma anche attrice e conduttrice televisiva- Sherine. Senz’ombra di dubbio un personaggio pubblico tra i più amati non solo in Egitto, ma anche in tutto il Medio Oriente, Sherine ha girato proprio a Muggia il suo videoclip “Nassay”, con alle spalle la società di produzione EUFRASIA FILM di Pordenone per conto di Y4 production di Londra e della All About Art del Cairo. L’artista ha scelto la città per le riprese del suo primo pezzo in stile “reggaeton”, col quale sta puntando a un pubblico più vasto ed internazionale. I  25 milioni di visualizzazioni del videoclip raggiunti in questi primi giorni del 2019 parlano da soli. 

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento