Anziana morta per asfissia in via Puccini: indaga la Polizia

Forze dell'ordine avvisate dalla badante: sul posto la Squadra Volante, i Vigili del Fuoco, il 118 e i tecnici AcegasApsAmga. Per ora viene dichiarato un caso di suicidio, ma vista l'assenza di oggetti di uso quotidiano, la Squadra Mobile indaga su altre cause

Dramma in via Puccini 32: una donna di 87 anni anni è stata trovata morta nel proprio appartamento. La causa del decesso sembrerebbe attribuibile all'asfissia da gas e inizialmente la Polizia lo ha trattato come un caso di suicidio.

A dare l'allarme la badante che non ha ricevuto risposta dopo aver suonato più volte il campanello: sul posto sono prontamente intervenuti i Vigili del Fuoco e la Squadra Volante del vicino commissariato di San Sabba. Una volta entrati nell'appartamento però hanno trovato la signora già esanime e quindi a nulla è servita la presenza del personale del 118

Mentre sono giunti anche i tecnici di AcegasApsAmga, gli operatori della Volante hanno cominciato ad avere qualche sospetto in merito a quello che i primi indizi facevano supporre si trattasse di un suicidio. Così, vista l'assenza di alcuni oggetti di uso quotidiano, sono intervenuti anche gli investigatori della Squadra Mobile per accertare che la morte dell'anziana non sia dovuta a qualche altra causa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, spopola sul web il nuovo grafico di un ricercatore di Trieste

  • Coronavirus, numeri choc alla casa di riposo La Primula: 39 su 40 positivi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

  • Coronavirus, Trieste tra le città più colpite del Nordest

Torna su
TriestePrima è in caricamento