Anziani e cadute in ambiente domestico: al via la prevenzione con il progetto "Otago"

Nel 2016 nella provincia di Trieste 600 persone si sono sottoposte ad un intervento dopo una caduta, principalmente per fratture di femore. Firmato accordo tra ASUITs e "Le Buone Pratiche" Onlus

Con la firma dell’accordo di collaborazione “Progetto pilota di prevenzione del rischio di cadute da incidente domestico negli anziani. Applicazione del protocollo OTAGO nel territorio dell’ASUITS”, l’ASUITs ha voluto attivare un intervento di ricerca-azione finalizzato a sperimentare nuovi modelli di risposta alla popolazione anziana a rischio cadute, reso possibile dalla collaborazione con l’associazione Onlus “Le Buone Pratiche”. Nel 2016 nella provincia di Trieste 600 persone si sono dovute sottoporre ad un intervento a seguito di una cadute, principalmente per fratture di femore.

L’accordo di collaborazione è stato firmato dal Direttore Generale dell’ASUITs Adriano Marcolongo e dal Presidente dell’associazione “Le Buone Pratiche” Onlus Bruno Zvech. “OTAGO” è un metodo riconosciuto a livello internazionale già sperimentato con successo dall’Università della Nuova Zelanda e anche nell’ambito di un programma di prevenzione della Regione Emilia Romagna e della Regione Toscana. E’ basato su di un programma domiciliare di esercizi fisici personalizzati che porta al miglioramento delle performance motorie nelle fasce di popolazione degli over 65 ed è particolarmente utile per prevenire le cadute in ambito domestico.

Il programma, finanziato dalla Onlus “Le Buone Pratiche”, in via sperimentale avrà la durata di un anno e coinvolgerà 180 persone selezionate tra le fasce più disagiate delle popolazione (come anziani che vivono da soli e in situazione di disagio economico), ma verrà successivamente esteso ad una platea più ampia. Un gruppo di fisioterapisti di ASUITs appositamente formato effettuerà a domicilio delle valutazioni funzionali finalizzate alla proposta di un programma personalizzato di esercizi fisici svolti a domicilio degli utenti ed eventuali altre attività motorie o riabilitative, anche di gruppo, e attività di socializzazione fuori casa anche in raccordo con iniziative già esistenti come i gruppi di cammino.

Sarà inoltre attivato un Call Contact Center in grado di erogare servizi telematici di supporto sociosanitario alle persone fragili e di integrare le funzionalità di tele-monitoraggio con sistemi informatici progettati per la gestione dell’attività di contatto telefonico, senza costi diretti per l’utenza. Il Call Contact Center fornirà inoltre monitoraggio e supporto motivazionale a sostengno all’adesione al progetto, attraverso contatto telefonico periodico e costante a cura di operatori qualificati, nonché identificazione degli elementi di criticità che potrebbero ostacolare l’adesione, con segnalazione al fisioterapista per una eventuale rivalutazione della situazione.

L’ASUITs metterà a disposizione un dipendente esperto e qualificato nel settore che, in qualità di referente del progetto, seguirà lo sviluppo degli interventi e si occuperà della formazione iniziale degli operatori e del monitoraggio delle attività.

Il progetto si propone di: sviluppare il senso di “self care” tra i partecipanti e i loro familiari grazie al corretto stile di vita attiva, orientandosi alla prevenzione del decadimento fisico e psicologico; ampliare la conoscenza del personale sanitario e sociosanitario su modelli e metodi innovativi, accrescendo la formazione individuale e collettiva della categoria; permettere ad ASUITs di valutare oggettivamente sul proprio territorio i risultati della sperimentazione al fine considerare una possibile messa a regime del modello con l’adozione, in alcuni segmenti di popolazione, di pratiche efficaci per la prevenzione delle cadute in ambito domestico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore durante l'allenamento in palestra, salvata da un infermiere in pensione

  • Cappotto, come scegliere il modello giusto in base alla tua silhouette

  • "Sono stato aggredito con un piede di porco", triestino all'ospedale: "Volevano entrare in casa"

  • Incidente in via Udine: insulti e minacce di morte ad un medico del 118

  • Bimbo cammina in fondo alla chiesa, alcuni fedeli "cacciano" lui e la madre

  • Mano pesante del Questore, giù le serrande del Mc Donald's per una settimana

Torna su
TriestePrima è in caricamento