Fumo nero dalla Ferriera, Arpa: «Problema contenuto connesso a presenza frazioni fini in altoforno»

L'Arpa sottolinea che l'azzeramento del numero di aperture dei bleeder per un altoforno è un obiettivo prestazionale sostanzialmente impossibile da raggiungere

A seguito degli eventi verificatesi nello stabilimento siderurgico di Servola nel pomeriggio di sabato 10 dicembre e chiaramente avvertiti dalla popolazione di Servola,
l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa) rende noto d'aver tempestivamente avviato delle verifiche. Arpa ha accertato che l'evento anomalo è stato causato da una serie ravvicinata di aperture del bleeder dell'altoforno che ha causato la fuoriuscita di un intenso fumo nero.

La direzione dello stabilimento ha prontamente fornito i dettagli del fenomeno, iniziato alle ore 15:35 e terminato alle ore 15:36. In quest'arco temporale, i bleeder, dispositivi di sicurezza che consentono lo sfiato dell'altoforno quando si verificano delle sovrapressioni, si sono aperti e richiusi per quattro volte a breve distanza. I tempi effettivi di apertura sono stati, rispettivamente, pari a 6, 1, 1 e 3 secondi. Si è trattato dunque di un problema contenuto, verosimilmente connesso ad una eccessiva presenza di frazioni fini nella parte alta
dell'altoforno.

Siderurgica Triestina, come rende noto l'Arpa, è intervenuta tempestivamente per risolvere il problema. L'Azienda, sempre secondo Arpa, ha immediatamente ridotto la marcia dell'impianto e ha avviato alcune verifiche per ricercare le cause dell'evento. Le conseguenti azioni di miglioramento saranno approfondite nei prossimi giorni congiuntamente ad Arpa.

L'evento anomalo di sabato è un inconveniente legato alla modalità di gestione degli impianti, peraltro oggetto di un processo di continuo miglioramento da parte della direzione di
Siderurgica Triestina. L'inconveniente è indipendente dall'adeguatezza, ormai verificata, dei presidi di abbattimento installati nello stabilimento.

A tale proposito l'Agenzia per l'ambiente sottolinea che l'azzeramento del numero di aperture dei bleeder per un altoforno è un obiettivo prestazionale sostanzialmente impossibile da raggiungere; l'obiettivo da raggiungere è invece il contenimento di tale misura di sicurezza su livelli minimi.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fvg circondato dalla paura: in Slovenia reintrodotta la quarantena, in Veneto restrizioni da lunedì

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Caso positivo fa scattare una trentina di tamponi a Trieste: altri sette contagi

  • La Polizia Locale piange Sergio Zucchi, il vigile buono e dal grande impegno civico

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

  • Rissa notturna a Sistiana: in sei all’ospedale

Torna su
TriestePrima è in caricamento