Fumo nero dalla Ferriera, Arpa: «Problema contenuto connesso a presenza frazioni fini in altoforno»

L'Arpa sottolinea che l'azzeramento del numero di aperture dei bleeder per un altoforno è un obiettivo prestazionale sostanzialmente impossibile da raggiungere

A seguito degli eventi verificatesi nello stabilimento siderurgico di Servola nel pomeriggio di sabato 10 dicembre e chiaramente avvertiti dalla popolazione di Servola,
l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa) rende noto d'aver tempestivamente avviato delle verifiche. Arpa ha accertato che l'evento anomalo è stato causato da una serie ravvicinata di aperture del bleeder dell'altoforno che ha causato la fuoriuscita di un intenso fumo nero.

La direzione dello stabilimento ha prontamente fornito i dettagli del fenomeno, iniziato alle ore 15:35 e terminato alle ore 15:36. In quest'arco temporale, i bleeder, dispositivi di sicurezza che consentono lo sfiato dell'altoforno quando si verificano delle sovrapressioni, si sono aperti e richiusi per quattro volte a breve distanza. I tempi effettivi di apertura sono stati, rispettivamente, pari a 6, 1, 1 e 3 secondi. Si è trattato dunque di un problema contenuto, verosimilmente connesso ad una eccessiva presenza di frazioni fini nella parte alta
dell'altoforno.

Siderurgica Triestina, come rende noto l'Arpa, è intervenuta tempestivamente per risolvere il problema. L'Azienda, sempre secondo Arpa, ha immediatamente ridotto la marcia dell'impianto e ha avviato alcune verifiche per ricercare le cause dell'evento. Le conseguenti azioni di miglioramento saranno approfondite nei prossimi giorni congiuntamente ad Arpa.

L'evento anomalo di sabato è un inconveniente legato alla modalità di gestione degli impianti, peraltro oggetto di un processo di continuo miglioramento da parte della direzione di
Siderurgica Triestina. L'inconveniente è indipendente dall'adeguatezza, ormai verificata, dei presidi di abbattimento installati nello stabilimento.

A tale proposito l'Agenzia per l'ambiente sottolinea che l'azzeramento del numero di aperture dei bleeder per un altoforno è un obiettivo prestazionale sostanzialmente impossibile da raggiungere; l'obiettivo da raggiungere è invece il contenimento di tale misura di sicurezza su livelli minimi.
 

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Allegati

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Tranquilli che tanto Dipiazza ha detto fa chiudere tutto, già due mandati fa non c'è riuscito e mi sa che non c'è due senza tre.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "La Porta Rossa" conquista 3,5 milioni di spettatori. Guanciale: «A presto Trieste»

  • Sport

    All'Alma arena come in Nba: nuovo parquet firmato Allianz (VIDEO)

  • Cronaca

    Auto elettriche, Vito lancia la sfida: «In 3 anni sostituiremo 900 autovetture» (FOTO)

  • Cronaca

    Giornate Fai, Serracchiani: «L'apertura del Palazzo ex Lloyd è motivo di orgoglio»

I più letti della settimana

  • Tragico incidente in galleria di Montebello: perde la vita una ragazza di 26 anni

  • Omicidio shock: decapita nonna e fratello, poi brucia le teste

  • Ritrovato Luca: fermato dai Carabinieri e consegnato alla madre

  • Incidente "fotocopia" in via Flavia: scooterista ferito (FOTO)

  • Scappa alla Polizia stradale con auto rubata, poi fugge a piedi e si rompe una gamba

  • Zaino sospetto in Giardino Pubblico: gli artificieri lo fanno brillare (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento