Arrestato in Slovenia, ma ricercato in Italia: estradato, deve scontare 10 anni di carcere

Il 43enne era ricercato dal dicembre 2015, l'accusa è di furto aggravato e traffico illecito di sostanze stupefacenti

Doveva scontare 10 anni di carcere, ricercato dal dicembre 2015 in Italia, ma è stato rintracciato in Slovenia dalle autorità locali ed estradato nel nostro paese. L'ex latitante W.M., cittadino italiano di 43 anni, è stato consegnato alla Polizia di frontiera a Fernetti, coadiuvata dalla Squadra Mobile di Modena, e si trova ora nel carcere del Coroneo. L’ex latitante era destinatario di un ordine di esecuzione della pena detentiva emesso dalla Procura presso la Corte d’Appello di Bologna, e dovrà espiare un cumulo di pene di dieci anni, due mesi e ventidue giorni di reclusione, oltre a pagare una multa di quasi trentamila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il connazionale è stato condannato per i reati di furto aggravato e traffico illecito di sostanze stupefacenti, commessi, in concorso, nel Nord e Centro Italia. L’esecuzione delle estradizioni, sia attive che passive, rientra tra le attribuzioni di esclusiva competenza della Polizia di Frontiera di Trieste, così come le riammissioni di cittadini extracomunitari senza formalità alla frontiera, in base all’accordo bilaterale con la vicina Slovenia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Nuova ordinanza Fvg: confermato blocco fino a Pasquetta e obbligo di mascherine e guanti nei supermercati

  • Torna a salire il numero dei positivi in Fvg: 92 contagiati, Trieste la più colpita

  • Fermato fuori casa ma doveva essere in quarantena perché positivo: denunciato

  • Coronavirus: arriva la mappa dei contagi in FVG, interattiva e suddivisa per comuni

  • Coronavirus, in Fvg cala il numero dei contagiati e cresce quello dei guariti

Torna su
TriestePrima è in caricamento