Asilo nido di via del Ponzanino, Brandi: «Continuità a questo positivo servizio con il rinnovo della concessione per i locali»

La struttura ha una potenzialità di 32 posti nido: saranno 16 quelli in disponibilità del Comune e di questi 4 nel primo biennio e 5 poi quelli utilizzabili gratuitamente dal Comune

Il Comune di Trieste rinnova per dieci anni la concessione per dei locali di proprietà comunale di via del Ponzanino 6/a (Peep ponzanino) alla cooperativa sociale "Don Cesare Scarbolo – Paideia” e amplia anche così l'offerta dei posti disponibili negli asili nido.
È questo il risultato dell'accordo presentato ieri, 25 luglio,  nel corso di una conferenza stampa, svoltasi all'interno dello stesso nido “Piccole Tracce”, alla quale sono intervenuti l'assessore comunale all'Educazione Angela Brandi, don Paolo Rakic e Andrea Valentinuzzi, rispettivamente presidente e vice della cooperativa sociale “Don Cesare Scarbolo-Paideia”, che dal 2005 svolge questo prezioso servizio a favore delle famiglie del rione, e della nuova coordinatrice del nido Mara Serra.

«Il rinnovo decennale di questa concessione -ha spiegato l'assessore Angela Brandi- consentirà di dare continuità a questo positivo servizio, avviato con il comodato d'uso di questo immobile con la prima amministrazione Dipiazza nel 2005 e che ha permesso di offrire un utile supporto a favore delle famiglie di San Giacomo».
In questa struttura, che ha una potenzialità di 32 posti nido, saranno così 16 quelli in disponibilità del Comune e di questi 4 nel primo biennio e poi 5 quelli utilizzabili gratuitamente dal Comune secondo quanto previsto dall'accordo.
«È una collaborazione attiva e fattiva -ha detto il presidente don Paolo Rakic- che, pur nella distinzione dei ruoli, ha portato e porterà ancora frutti positivi» con l'obiettivo di favorire e recuperare i valori degli aspetti educativi, un' opera riconosciuta anche dai genitori dei bambini che hanno frequentato questa struttura.
Soddisfazione è stata espressa anche dal vicepresidente Andrea Valentinuzzi, che ha evidenziato i 12 anni di presenza della cooperativa nel rione di San Giacomo, iniziati da un primo spazio gioco per arrivare ad un nido d'infanzia a tutti gli effetti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il servizio nido (per bambini da 0 a 3 anni) del Comune di Trieste si compone attraverso 18 asili nido comunali e 19 privati convenzionati, tra cui anche il “Piccole Tracce” della cooperativa sociale "Don Cesare Scarbolo – Paideia”.
«Abbiamo una lista d'attesa che oggi si aggira intorno al 44% -ha detto l'assessore Angela Brandi- con un dato di accoglienza del 56%, che migliora quello dello scorso anno ed è abbastanza alto, anche a livello nazionale. Appena insediati abbiamo già aumentato di 10 unità la disponibilità di posti nido, prossimamente contiamo di costruire un nuovo asilo nido a San Giovanni, con un polo 0-6 in continuità con la scuola dell'infanzia inaugurata recentemente, mentre un altro è previsto nell'area dell'ex caserma Polstrada di Roiano e poi ovviamente cercheremo di incrementare i posti in convenzione con i privati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento