Autorizzata la caccia con fonti luminose ai cinghiali

Dal Zovo: "Una vergogna". L'emendamento consente l’utilizzo di fonti luminose, notturne, termiche o puntatori laser quali strumenti ausiliari a quelli consentiti per il prelievo venatorio.

"Ci risiamo. A ogni occasione la maggioranza ripropone norme peggiorative in tema di caccia". È il commento della capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale, Ilaria Dal Zovo, dopo l'approvazione dell'emendamento al disegno di legge n. 54 Omnibus presentato da Forza Italia e Lega che consente l’utilizzo di fonti luminose, notturne, termiche o puntatori laser quali strumenti ausiliari a quelli consentiti per il prelievo venatorio.

"Come sempre, ci siamo opposti a una norma che introduce la possibilità di cacciare gli ungulati nelle ore notturne, utilizzando puntatori laser e fonti luminose. Di fatto, ora si potrà cacciare per quasi 22 ore. Nessuno scampo, quindi, per i cinghiali che nelle ore notturne, di solito escono per cibarsi. Inoltre - sostiene la Dal Zovo - la modifica approvata presenta chiari profili di incostituzionalità, essendoci già delle sentenze della Suprema Corte che vanno contro l'utilizzo di fonti luminose per l'attività venatoria".

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Morta la bimba di 4 anni rimasta in auto sotto il sole rovente a Rovigno

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

Torna su
TriestePrima è in caricamento