Autovie Venete e Fvg Strade: al via la collaborazione per la gestione della viabilità esterna

Una collaborazione, quella fra le due società, già “rodata” sulla Strada Regionale 354 il cui flusso di traffico – che durante i week end estivi è elevatissimo – ha rappresentato una sorta di laboratorio per testare la gestione comune dei flussi

Sono già partite le attività per individuare una nuova e più efficace procedura di gestione della viabilità esterna alla rete autostradale in caso di criticità che richiedano la chiusura di un tratto dell’autostrada. Dopo il vertice di ieri in Regione, convocato congiuntamente da Debora Serracchiani, Commissario per l’emergenza in A4 e dal prefetto di Udine Vittorio Zappalorto, oggi a Palmanova, nella sede di Autovie, sono state esaminate le possibili sinergie operative fra Friuli Venezia Giulia Strade e la Concessionaria, con l’obiettivo di mettere a fuoco le azioni che possono essere concretizzate fin da subito.

Durante l’incontro, al quale erano presenti il presidente Maurizio Castagna, il direttore del personale Aldo Berti per Autovie, il presidente Giorgio Damiani e il direttore generale Roberto Zianna per Fvg Strade, è stato deciso di attivare un tavolo tecnico in grado di predisporre un protocollo operativo da sottoporre al visto del Prefetto di Udine e, successivamente, ai Comuni interessati dai percorsi alternativi, itinerari che scattano in seguito a chiusure autostradali dovute a congestioni, incidenti, o lavori che devono essere effettuati senza traffico in transito. Approfondite anche tutte le potenzialità della nuova app Infoenti, uno strumento digitale sviluppato proprio per creare un network operativo fra tutti gli enti gestori delle strade.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una collaborazione, quella fra le due società, già “rodata” sulla Strada Regionale 354 il cui flusso di traffico – che durante i week end estivi è elevatissimo – ha rappresentato una sorta di laboratorio per testare la gestione comune dei flussi. I dati raccolti dalle telecamere e dai sensori sulla 354 venivano convogliati, attraverso il data center del casello di Latisana, al Centro Radio Informativo di Autovie che poteva così distribuire le informazioni sui pannelli a messaggio variabile in entrata e in uscita ai caselli. La collaborazione ha coinvolto anche i soccorsi su strada, nella fase di avvio del servizio di Fvg Strade (costituita nel 2007) fino a quando le squadre della società regionale sono entrate a regime. «Partiamo già da una buona base, quindi – ha sottolineato il presidente di Autovie Castagna – e questo ci consentirà di essere maggiormente efficaci e rapidi». Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente di Fvg Strade Giorgio Damiani, secondo il quale “il modello già utilizzato, con i dovuti correttivi, potrà essere riproposto anche per le arterie interessate dal traffico in uscita dall’autostrada in caso di incidenti”. Saranno ora i tecnici di Autovie e Fvg Strade a mettere a punto le prime modalità di intervento comuni

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • La Regione conferma il blocco totale, Fedriga firma una seconda ordinanza

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

Torna su
TriestePrima è in caricamento