"Baby-spaccio" in Cavana: tre denunciati dalla Polizia. Controlli nei parchi pubblici e sugli autobus autobus

Da un lato la prevenzione e dall'altro la repressione

Nel corso del mese di gennaio, in seguito ad alcuni servizi mirati di prevenzione e repressione del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti in Città Vecchia, il persona della Squadra Mobile ha denunciato tre persone (un minorenne) e sequestrato diverse dosi di droga destinate ai giovanissimi. 

Otto minorenni, 25 grammi di marijuana, un denunciato

Il primo episodio risale all'8 gennaio, quando gli operatori hanno effettuato un servizio in piazza Trauner individuando un gruppo di otto giovani minorenni che, durante le ore serali, si era appartato in un angolo buio per consumare sostanze stupefacenti. Al momento dell'identificazione, visto il nervosismo dei ragazzi, li hanno sottoposti a perquisizione che ha dato esito positivo: in particolare un 16enne aveva nello zaino, in una busta di plastica, circa 25 grammi di marijuana e un bilancino di precisione. Dopo le formalità di rito gli agenti hanno provveduto al sequestro della droga e denunciato il giovane alla Procura dei Minori. Altri due ragazzi erano stati trovati in posseso di dosi più modeste di marijuana e anche di un "grinder" (un "macina erba"), ma se la sono cavata con la segnalazione in Prefettura. Al termine dei controlli e formalità tutti i minorenni sono stati affidati ai rispettivi genitori. 

Due stranieri con 13 grammi di hashish

Dopo pochi giorni, il 22 gennaio, la Squadra Mobile è tornata sul "luogo del misfatto" e dopo alcuni appostamenti ha notato due cittadini extracomunitari che, seduti su un muretto della piazza, accoglievano di volta in volta diversi giovani, facendo presumere che potesse trattarsi di un attività di spaccio. Avvicinati dagli operatori i due sono stati controllati: dopo aver accertato la cittadinanza, un afghano e un pakistano, è stata notata la presenza in un aiuola, vicino a uno dei due, di una busta di plastica con 7 pezzi di hashish dal peso di 13 grammi. La scoperta ha indotto gli agenti di Polizia a procedere con la perquisizione che ha portato alla luce, dalla tasca del giaccone, anche 1,3 grammi di marijuana. Concluse le formalità i due sono stati denunciati e la "merce" e i contanti in loro possesso posti sotto sequestro. 

Controlli nei parchi e sugli autobus

Nel corso delle ultime due settimane di gennaio, il reparto di Upgsp della Questura si è poi dedicata alla prevenzione dei reati nei parchi pubblici della città con pattuglie appiedate che, per recarsi sui luoghi, hanno utilizzato i mezzi pubblici ponendo così anche in essere un secondo servizio di prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, in particolare i borseggi. Le linee della Trieste Trasporti utilizzate sono state le 10, 23, 20, 6, 19, ossia quelle tra le più affollate. Durante questi servizi, in particolare nei parchi, sono stati identificati vari gruppi di soggetti, anche minori, e presi contatti con i cittadini al fine di perfezionare gli orari di presenza nelle zone. 

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Ristoranti di pesce nel mirino, 55 mila euro di multe, nove denunce e cinque chiusure

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

Torna su
TriestePrima è in caricamento