"Banana4growth": 22 tonnellate di banane dall'India donate ai poveri

Il progetto Banana4growth mira ad aiutare i produttori di banane dell’India, nella realizzazione di processi di produzione e trasporto più moderni. Il carico sarà donato a 51 mila persone bisognose del Friuli Venezia Giulia e del Veneto. Autorità Portuale partner capofila

Ventidue tonnellate di banane provenienti dall'India saranno donate a 51mila persona bisognose del Friuli Venezia Giulia e del Veneto. L’iniziativa presentata oggi a Pasian di Prato, presso la sede dell’Associazione Banco Alimentare del Friuli Venezia Giulia nasce da “Banana4growth”, progetto di cooperazione allo sviluppo co-finanziato con fondi regionali, di cui l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale è partner capofila assieme all’Università di Udine, l’Università di Tamil Nadu e l’Associazione dei Produttori di banane del Tamil Nadu, coadiuvati dall’operatore Avieko Trading GmbH.

Banana4growth: il progetto

Con un budget totale di 150 mila euro, di cui 90 mila finanziati dalla Regione Friuli Venezia Giulia, Banana4growth mira ad aiutare i produttori di banane del Tamil Nadu, Stato nel Sud dell’India, nella realizzazione di processi di produzione e trasporto più moderni, confacenti agli standard di qualità e tempestività richiesti dai mercati esteri, accelerando così lo sviluppo economico di quei territori.

L’India è il primo produttore al mondo di banane. Tuttavia, a causa delle modalità di produzione e trasporto, queste non sono commercializzabili all’estero. Obiettivo primario dell’iniziativa è stato quindi la costruzione di un prototipo di nastro trasportatore per trasferire le banane dal campo di raccolta in maniera più veloce ed efficiente, preservando la qualità del prodotto. Ruolo cruciale è stato riservato anche alla formazione specifica sull’organizzazione logistica per il trasporto della merce dall’India a Trieste, individuata come scalo di destinazione per raggiungere il mercato europeo.

Zeno D'Agostino: "Innovazione, trasporti internazionali, portualità e solidarietà"

Per il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Orientale, Zeno D’Agostino: “Banana4growth riesce a coniugare alcuni degli aspetti che sono tipici delle strategie dei porti: l'innovazione di processo, i trasporti internazionali, la portualità e anche la solidarietà. Ci auguriamo che il progetto superi la fase sperimentale e possa svilupparsi con successo”.

La donazione

Nei giorni scorsi il carico di 22 tonnellate di banane è arrivato a Trieste e la sua qualità è risultata ottima e adatta per la commercializzazione. Trattandosi di un carico-pilota, l’Autorità di Sistema si è fatta promotrice della sua donazione all’Associazione Banco Alimentare del Friuli Venezia Giulia, che provvederà a distribuirlo alle persone indigenti del territorio tramite le 341 strutture caritative convenzionate alle diverse associazioni benefiche del Friuli Venezia Giulia e del Veneto. Paolo Olivo, presidente dell’Associazione, ha ringraziato la Regione FVG e l’Autorità di Sistema Portuale per la donazione, sottolineando che “questa tipologia di alimento è particolarmente preziosa, in quanto va ad arricchire ed integrare la gamma dei prodotti che raggiungono le persone in stato di grave deprivazione materiale.”

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Maxi tamponamento in viale Miramare, otto auto coinvolte

  • Cronaca

    Genova, il nuovo ponte sarà costruito da Fincantieri e Salini

  • Cronaca

    La sala Tripcovich torna di proprietà del Comune di Trieste

  • Cronaca

    Ristrutturato campo del "Trieste Calcio" a Borgo San Sergio

I più letti della settimana

  • Trieste piange Jennifer e Massimo, trovati i corpi senza vita

  • La tragica escursione dei due colleghi morti in montagna

  • È record: a Trieste il valzer più grande del mondo

  • I 10 libri da regalare a Natale per capire Trieste

  • Incidente ex GVT, parla il padre della vittima (FOTO)

  • Scomparsi sul Lussari, i due triestini visti da una fototrappola

Torna su
TriestePrima è in caricamento