Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

Dieci giorni per il locale “Le bistrò’” di Gorizia e otto per il “Juma bar” di Monfalcone. I provvedimenti stati notificati per motivi di ordine e sicurezza pubblica.

Licenza sospesa per un bar di Monfalcone e uno di Gorizia. I provvedimenti sono stati notificati oggi, 10 luglio 2019, per motivi di ordine e sicurezza pubblica.

Gorizia

Al primo locale denominato “Le bistrò’”, sito a Gorizia in via Crispi, la restrizione, ai sensi dell’art.100 del testo unico delle leggi di P.S., è stata imposta in quanto l’esercizio è stato teatro, recentemente, di numerose risse, che hanno richiesto l’intervento della Polizia. Il locale, inoltre, è risultato essere abitualmente frequentato da persone gravate da precedenti penali e di Polizia.

Il decreto di sospensione, predisposto con un’azione coordinata dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico e della divisione di Polizia amministrativa e sociale della Questura, avrà una validità di dieci giorni.

Monfalcone

Al secondo esercizio denominato “Juma bar” di Monfalcone è stato applicato, per la prima volta in questo ambito provinciale, l’art. 100 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, così come modificato dall’art. 12 bis della legge n.48/2017, nella parte in cui prevede la possibilità per il Questore di sospendere la licenza di un esercizio anche di vicinato. In particolare il provvedimento è stato emesso in esito a tre recenti violazioni di altrettante ordinanze del sindaco, le quali imponevano l’orario serale di chiusura al pubblico alle ore 20.30. Il provvedimento, approntato in sinergia con la Polizia Locale di Monfalcone, avrà una durata di otto giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus: un caso sospetto a Monfalcone, ma il test è negativo

  • L'allarme coronavirus tra ordinanze, dubbi e chiusure: tutti gli aggiornamenti in regione

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento