Il baseball triestino è senza campo da gioco da due anni

La Junior Alpina, unica società di baseball a Trieste, non ha la possibilità di gestire ed utilizzare né l’impianto di Prosecco né quello di Villa Opicina. La situazione è stata affrontata dalla commissione trasparenza presieduta dalla consigliera pentastellata Cristina Bertoni

Su sollecitazione della ASD Junior Alpina Baseball Softball, la commissione trasparenza presieduta dalla consigliera pentastellata Cristina Bertoni ha affrontato ieri, 4 giugno, la situazione del campo di baseball di Prosecco e del campo sportivo militare di Villa Opicina. Un problema non da poco dato che l'unica società di baseball a Trieste non ha a disposizione un campo da ben due anni. "La situazione non è semplice. Ad oggi siamo riusciti a risolvere temporaneamente la questione grazie all'aiuto delle società dell'Isontino. Un grande sostegno, anche se il fatto di doversi spostare continuamente è dispendioso" ha dichiarato il Presidente dell'ASD Junior Alpina Baseball Softball.

"Abbiamo provato più volte a rivolgerci al Comune - aggiunge - ma, nonostante le innumerevoli email, non abbiamo avuto risposta. Il 16 aprile abbiamo organizzato una manifestazione in piazza Unità attirando, finalmente, l'attenzione dell'Assessore Rossi. Purtroppo dopo un mese e mezzo non è successo nulla".

Durante la commissione è finalmente emersa la questione: la Junior Alpina non ha la possibilità di gestire ed utilizzare né l’impianto di Prosecco né quello di Villa Opicina perché nel primo caso l’impianto di proprietà comunale è in condizioni di abbandono e non essendo a norma non può essere dato in concessione mentre per il campo sportivo militare la società è chiamata a demolire un capanno realizzato a suo tempo con soldi pubblici in presenza di un divieto di accesso all’area da parte del demanio militare.

"Entrambi i campi, per motivi differenti, non possono essere utilizzati ma, finalmente, la situazione è stata approfondita. Sono molto soddisfatto dell'esito della commissione - aggiunge il Presidente - in quanto tutte le parti politiche hanno capito il problema. Il prossimo passo sarà portare la mozione, già presentata e passata per la V commisione, al prossimo Consiglio comunale".

Soddisfazione anche da parte della consigliera Bertoli: “Sono lieta di aver convocato questa commissione sul tema - prosegue Bertoni - perché è emersa una forte volontà politica trasversale per arrivare ad una risoluzione che consenta a questo sport di continuare ad essere praticato nella nostra città. Vedremo quindi se alle parole seguiranno i fatti”.

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Porsche "impazzita" abbatte un semaforo: tragedia sfiorata in viale Miramare

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Svizzera-Trieste: autista abbandona pullman con 55 bambini all'autogrill per andare a Jesolo

  • Tutti con lo sguardo verso il cielo, appuntamento questa sera con l'eclissi di Luna Rossa

  • Cade sulla Napoleonica: ferita dopo un volo di 20 metri

  • Auto contro linea 11 in via Foscolo: sei feriti nell'autobus (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento