Bloccata la caccia agli orsi in Slovenia

Dopo la morte dell'orso Elisio le associazioni ambientaliste d'oltre confine hanno presentato un ricorso. La sospensione dell'attività venatoria potrebbe anche essere definitiva

La caccia all'orso è stata sospesa in Slovenia dopo il ricorso di un'associazione animalista, e il blocco potrebbe essere definitivo. Lo rivela Telefriuli in un servizio, specificando che in territorio sloveno l'orso supera i 900 esemplari, molti dei quali femmine. La decisione, seguita da contro ricorsi, è storica e sta già sollevando tensioni tra agricoltori e allevatori sloveni, poiché gli animali causano danni a colture ed allevamenti. Recentemente è stato abbattuto dal fucile di un cacciatore in Slovenia uno degli esemplari monitorati in Friuli con il collare: l'orso Elisio. Questo il fatto che ha scatenato la reazione delle associazioni d'oltre confine.

Elisio ucciso da un cacciatore sloveno: il caso arriva in Parlamento 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento