Bora a 130 Km/h: Acegas a lavoro per bloccare i cassonetti e distribuzione sale

Vigili del fuoco occupati in un super lavoro per la messa in sicurezza di alberi e tetti

«La Bora ha già toccato, sotto raffica, i 133 km orari. Squadre AcegasApsAmga sono già sul territorio per chiudere e legare i cassonetti maggiormente esposti e già in serata, altre squadre, gireranno per raccogliere eventuali sacchetti abbandonati fuori dai bidoni. Dalle 17 partiranno le operazioni di salatura preventiva delle strade del Carso e della parte altra della città».

Il messaggio Facebook del vicesindaco Pierpaolo Roberti va a spiegare come il Comune di Trieste stia affrontando l'emergenza Bora che da questa mattina sta sferzando la città e probabilmente andrà peggiorando con il passare delle ore per raggiungere la massima intensità nella giornata di domani. 

I Vigili del fuoco sono occupati in un super lavoro per la messa in sicurezza di alberi e tetti, "vittime" predilette del violento vento di Est-Nordest. 

Attivato il piano Bora a Trieste

A causa delle forti raffiche di bora che da questa mattina stanno spazzando la città, gli operatori di AcegasApsAmga stanno provvedendo a mettere in sicurezza i cassonetti per la raccolta dei rifiuti: cinque squadre sono al lavoro da questa mattina per sigillare i contenitori posizionati nelle zone più critiche e maggiormente soggette alla Bora. Dove possibile, inoltre, gli addetti della multiutility stanno provvedendo a mettere in sicurezza i cassonetti ancorandoli o ruotandoli in senso contrario alla direzione del vento per evitare che possano causare disagi e rischi per la sicurezza di passanti e mezzi.

Se saranno confermate le previsioni meteo, secondo cui da domenica 25 la bora calerà d’intensità, i servizi ambientali di AcegasApsAmga saranno in grado di ripristinare il regolare servizio.

Ridotti i giri di raccolta: l’invito a non conferire

Il forte vento può arrivare a impedire il sollevamento meccanico dei cassonetti nelle zone più esposte, inoltre i contenitori vuoti rischiano maggiormente di essere spostati dalle forti raffiche di Bora. Di conseguenza nelle zone più a rischio sono stati ridotti i regolari servizi di raccolta, pur monitorando la situazione: è comunque opportuno durante le giornate di Bora, evitare, per quanto possibile, ogni conferimento rifiuti. In caso di stringente necessità di conferimento si raccomanda poi di non abbandonare i rifiuti al di fuori di cassonetti sigillati, ma di utilizzare i più prossimi contenitori disponibili.

Interventi di presalatura in altipiano

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A causa dell’abbassamento delle temperature previste nelle prossime ore, nel corso del pomeriggio partiranno tre squadre di addetti AcegasApsAmga per interventi di presalatura nelle zone critiche della città e nell’altipiano carsico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Coronavirus, altra impennata in Fvg: 147 positivi e sei morti, i contagiati sono oltre 1100

  • I contagiati salgono a 874, decessi a quota 47: il bollettino di oggi in Fvg

  • Coronavirus, il Friuli Venezia Giulia la regione che resta di più a casa

  • Coronavirus, altro balzo in avanti: in Fvg i contagiati ora sono 1223, 13 guariti in più

  • I contagiati salgono a 930, 54 decessi: il bollettino del FVG

Torna su
TriestePrima è in caricamento