Divieto 'botti' a Muggia, Decolle: "Per il bene di tutti, anche degli animali"

Da 10 anni Muggia vieta petardi e fuochi, oggi con pene fino a 300 euro. Divieto iniziato nel 2010, dopo un principio d'incendio al palazzo Municipale. L'assessore Decolle: "Ne risentono soprattutto gli animali domestici"

Vietati a Muggia botti, petardi e fuochi d’artificio. Un divieto valido per tutto l'anno mentre in molte città ancora si dibatte sul tema. Il Comune mantiene quindi dal 2010 la sua ferma posizione in merito e, come spiega in un post su Facebook, quasi 10 anni fa un’ordinanza vietava a Muggia “l’accensione, il lancio e lo sparo di materiale pirotecnico nelle vie del centro storico di Muggia ed in genere in luoghi frequentati ed in prossimità di abitazioni ed attività ricettive”. Un provvedimento che arrivava anche in seguito al principio di incendio del palazzo municipale: episodio che si era verificato l’anno precedente proprio a causa del lancio di razzi nella piazza della città.

Multe fino a 300 euro

Al tempo si prevedeva una multa di 100 euro e il sequestro del materiale pirotecnico per i trasgressori. Oggi le cifre parlano da un minimo di 100 euro sino a un massimo di 300. Per evitare dunque che l’abitudine di festeggiare il Natale e l’anno nuovo con l’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici, possa provocare danni a persone, animali e cose, dal 2014 l’Amministrazione muggesana ha infatti previsto una parte ad hoc nel Regolamento di Polizia urbana del Comune di Muggia.

Decolle: "Ne risentono gli animali domestici"

“Anche perché” ricorda l’assessore Stefano Decolle “chi risente maggiormente dei botti di fine anno sono gli animali domestici ed in particolar modo i cani, che, si sa, sono dotati di un udito sensibilissimo”.
Il rumore di un petardo è, infatti, davvero molto fastidioso tanto che esperti del settore sostengono che lo stress che generano i botti di fine anno è enorme su ognuno di loro, anche se apparentemente vi può sembrare che ne siano del tutto indifferenti.

L'invito, quindi, è a seguire il Regolamento migliorando così anche le condizioni di vivibilità nei centri urbani e del territorio in genere, la convivenza civile e la coesione sociale. Un invito esteso, ovviamente, a tutto l’anno dato che il Regolamento ha sempre valenza, ma che in questo periodo è ancor più motivato per delle feste serene, per tutti. “L'auspicio” conclude Decolle “è che come sempre sia il buon senso a prevalere, nel rispetto non solo delle regole, ma anche del bene di tutta la nostra comunità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Forti dolori addominali e in stato d'agitazione, 19enne intossicato finisce a Cattinara

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

Torna su
TriestePrima è in caricamento