Dalle terre confiscate alla mafia e prodotti confezionati da donne vittime di violenza: apre "Buongiorno buona gente"

«Proviamo a dare una seconda possibilità a chi si trova a dover vivere situazioni non sempre rosee»

Apre domani, 12 settembre, dalle ore 17:00 in via Filzi 9, ”Buongiorno Buona Gente” di Valentina Baldacci.

”Buongiorno Buona Gente” non è un semplice negozio di generi alimentari ma è il negozio “del cibo della seconda possibilità”. Apparentemente sembra un negozio come gli altri ma ogni prodotto racchiude una storia e un cosiddetto "valore sociale aggiunto".

«Quello che differenzia ”Buongiorno Buona Gente” è la provenienza dei prodotti, preparati e confezionati da associazioni in cui lavorano donne vittime di violenza o ingiustizie, da terreni confiscati alle mafie e da cooperative che operano nelle case circondariali (anche minorili) Ecco perché è il negozio della seconda possibilità!» ha spiegato la titolare Valentina.

«Grazie al supporto di personale competente in vari ambiti –continua Valentina–, queste persone vengono inserite in un circuito lavorativo e sociale volto ad abbattere la possibilità di recidiva (con conseguente diminuzione di spesa per lo Stato, e quindi,del cittadino) e fornire loro una scelta di vita migliore e una reintroduzione dignitosa nella società».

Negli scaffali potrete trovare una varietà di prodotti: dai biscotti alle creme spalmabili, dalla rinomata cioccolata modicana al caffè, dall’olio EVO italiano alla birra e tanti altri.

«Entrando nel negozio si possono non solo acquistare buonissimi prodotti, ma si prende visione di una realtà che spesso ai nostri occhi e al nostro cuore sfugge. Proviamo a dare una seconda possibilità a chi si trova a dover vivere situazioni non sempre rosee» ha concluso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento