Burgo, Rosolen: "Rottura unilaterale causata dalla proprietà"

"Da adesso dovranno cambiare molte cose. La Regione non è un bancomat e i lavoratori non sono numeri: se le regole non funzionano, dovremo cambiarle. Prevedendo, altresì, opportuni meccanismi sanzionatori"

"Lunedì abbiamo scelto la linea morbida solo per tutelare i lavoratori. Oggi dobbiamo prendere atto di una rottura unilaterale cercata e voluta dalla proprietà, che scarica letteralmente 87 persone". Così Alessia Rosolen, assessore regionale al Lavoro, in seguito alla "fumata nera nella trattativa tra la proprietà della cartiera Burgo di Duino Aurisina e le sigle sindacali". 

Secondo Rosolen "Si tratta di una situazione gravissima. Faremo tutto quello che possiamo per tutelare i lavoratori, ma è doveroso che la Regione cambi le regole quando si tratta di erogare contribuiti alle imprese. Condizionare aiuti e sostegni alla permanenza delle aziende sul territorio regionale e alla tutela dei livelli occupazionali diventa una priorità cui la politica deve dare risposta".

"Una linea molto deludente"

"Abbiamo scelto il profilo basso nei giorni scorsi - spiega l'assessore - perché era doveroso esplorare ogni soluzione per scongiurare una rottura. Purtroppo, a fronte di un atteggiamento di massima attenzione e responsabilità da parte dell'amministrazione regionale e del Ministero del Lavoro, Burgo ha assunto una linea molto deludente: concluso il percorso dello screening di via da parte della Direzione Ambiente, si è sentita deresponsabilizzata rispetto ai lavoratori. Siamo vicini ai lavoratori e non ci limiteremo alle frasi di circostanza. Ovviamente, resta il massimo impegno, da parte nostra, a sostenere il percorso già delineato, con la reindustrializzazione della linea 2, verso la costituzione della newco".

Meccanismi sanzionatori

"Ma da adesso - chiude Rosolen - dovranno cambiare molte cose. La Regione non è un bancomat e i lavoratori non sono numeri: se le regole non funzionano, dovremo cambiarle. Prevedendo, altresì, opportuni meccanismi sanzionatori".

Cartiera Burgo, Serracchiani: "Di Maio dà risposte evasive"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Altra azienda che usa i lavoratori come "scudi umani" per poter usufruire ed abusare di fondi pubblici.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Incendia la tenda di un bar a Opicina: denunciato 62enne

  • Cronaca

    ICGEB: Lawrence Banks è il nuovo direttore generale

  • Cronaca

    Controlli sulle biciclette abbandonate, la Polizia Locale ne recupera 19

  • Cronaca

    La Barcolana presenta l'edizione 2019 e fissa il "tetto" delle 2700 barche

I più letti della settimana

  • Shock sulla 20, presunta aggressione a ragazza di 17 anni

  • Auto perde il controllo e si cappotta sul Raccordo Autostradale (VIDEO)

  • Vivono in 35 metri quadri dopo aver perso tutto, la storia di una famiglia a Opicina

  • Il Festival della pizza sbarca a Trieste

  • Sequestra una donna al settimo mese di gravidanza: arrestato

  • Venti decessi ogni 1000 persone per tumori, Trieste tra le città dove si muore di più

Torna su
TriestePrima è in caricamento