Gravidanza a rischio: al Burlo corsi formativi per il miglioramento delle cure

Durante l'evento ostetrici, diabetologi ed operatori del percorso nascita potranno confrontarsi con esperti nazionali ed internazionali su una patologia che necessita di specifiche conoscenze in termini di monitoraggio e trattamento

Le patologie preesistenti la gravidanza rappresentano una realtà crescente con cui l’ostetrico, in un approccio multidisciplinare, si deve sempre più spesso confrontare.

Il Burlo si illumina di viola per la Giornata mondiale della prematurità

Presenti esperti nazionali ed internazionali

A tale riguardo, il 24 novembre, nell’Aula Magna dell’Istituto Burlo Garofolo, si terrà il corso “Expert series in high risk pregnancies: Focus sul diabete in gravidanza” organizzato dalle Strutture Semplici Dipartimentali Gravidanza ad alto Rischio e Struttura Complessa Universitaria Clinica Ostetrica e Ginecologica, in cui i partecipanti (ostetrici, diabetologi ed operatori del percorso nascita) potranno confrontarsi con esperti nazionali ed internazionali su una patologia che necessita di specifiche conoscenze in termini di monitoraggio e trattamento.

Il Burlo ci dirà come sta l'Italia

Un ciclo di corsi

L’evento rappresenta il primo di prossimi eventi formativi che verranno riproposti in Regione nel 2019 su tematiche specifiche di patologia ostetrica, finalizzati ad implementare la rete regionale sulla gestione della gravidanza a rischio in un programma di miglioramento della qualità delle cure.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' di Marina Buttazzoni il cadavere trovato a Portopiccolo

  • "Non trovo personale che venga a lavorare", anche a Trieste imprenditori in crisi

  • Rive, scampata tragedia nella notte: finisce in mare con la 500 e si salva da sola

  • Rivalutazione pensioni 2020, al via l'aumento degli importi

  • Colpisce due auto e si cappotta: un ferito a Cattinara

  • Ridotto sul lastrico dopo la separazione: sempre più padri "rovinati" dagli alimenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento