Cadavere del padre in casa a Roiano per due settimane, in corso le indagini della Polizia

Una donna di 59 anni abitante in un appartamento di via Pratello a Roiano, aveva in casa il cadavere del padre da almeno due settimane. Oggi pomeriggio, giovedì 25 agosto, la macabra scoperta con l'irruzione degli agenti della Polizia di Stato, in collaborazione con i Vigili del Fuoco e i sanitari del 118

Da circa due settimane i vicini sentivano uscire dall'appartamento di via Pratello, nel quartiere Roiano, effluvi maleodoranti.

Qualcuno ha avvisato le autorità e oggi pomeriggio intorno alle 14.00, l'intervento degli  agenti della Polizia di Stato, dei Vigili del fuoco e di un'ambulanza del 118.

Riusciti a entrare nell'appartamento, la macabra scoperta: una donna di 59 anni aveva in casa da circa due settimane il cadavere del padre, oramai in stato di decomposizione.

La donna, in stato di agitazione è stata trasportata al pronto soccorso dell'ospedale Maggiore di Trieste.

Sono in corso le indagini della Polizia Giudiziaria su disposizioni del Magistrato competente.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Allerta meteo per i prossimi giorni: possibili neve e temperature glaciali sul Carso

  • Cronaca

    Maltempo: possibile sospensione dello svuotamento dei cassonetti causa bora

  • Cronaca

    Malore fatale e «ritardi nei soccorsi»: due avvisi di garanzia agli infermieri della Centrale di Palmanova

  • Politica

    Sanità, Telesca: «Al via fase 2 elisoccorso notturno in FVG»

I più letti della settimana

  • Grave incidente in viale Miramare: 16enne contro un palo

  • Crociere, il ritorno di Costa a Trieste nell'autunno 2018

  • Schianto in viale Miramare: resta gravissimo il 16enne

  • Blitz della Polizia all'Abbuffata

  • Incidente in via Valdirivo: dopo lo scontro con l'auto, furgone contro il muro (FOTO)

  • Rubano motori di barche e si tuffano nelle acque gelide per scappare alla Polizia: ladro salvato in extremis dagli agenti

Torna su
TriestePrima è in caricamento