Calo nascite, Zilli (LN): «Torrenti sempre più assessore degli immigrati e meno dei friulani»

Barbara Zilli commenta le parole dell’assessore Gianni Torrenti sul calo della popolazione italiana e il calo delle nascite

«L’atteggiamento rassegnato di Torrenti è davvero scandaloso». Così Barbara Zilli (LN) commenta le parole dell’assessore, che «è sempre più assessore degli immigrati e sempre meno dei friulani».
A scatenare la reazione della leghista sono le parole di Torrenti relativamente a quanto diffuso dall’Istat sul calo della popolazione italiana e il calo delle nascite, dati rielaborati dall’Ires per fotografare la situazione del Friuli Venezia Giulia.

«Quanto dichiarato da Torrenti – dice Zilli – altro non è che l’esemplificazione di un Pd che vuole l’uniformità culturale calpestando l’identità di tutti i friulani e giuliani. Diciamoci la verità – continua Zilli – la reciprocità nel rispetto della cultura altrui, purtroppo non esiste».
«La sforzo culturale di cui parla Torrenti – commenta ancora Zilli – deve essere fatta prima di tutto nelle politiche di welfare e con serie innovazioni nelle politiche per la famiglia. La soluzione per mantenere vivo il Friuli Venezia Giulia non è riempirlo di immigrati, questa si profilerebbe come una vera e propria sostituzione etnica».
«Dobbiamo entrare nell’ottica che se la natalità è in crisi è soprattutto perché mancano i servizi a supporto delle famiglie: asili nido gratis, sostegno anche economico alla natalità, aiuti e sgravi per le giovani coppie che vogliono mettere su famiglia. Questi sono investimenti sul futuro dei friulani, altro che un milione di euro per le case degli immigrati» chiude Zilli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cinque metodi naturali per un piano cottura brillante

  • Schianto in moto a Prebenico, morto giovane di 38 anni

  • Nudo e ubriaco prende il sole al Cedas davanti a tutti

  • Grave trauma cranico dopo una "lite" tra ragazzi: 22enne in prognosi riservata

  • Tragico incidente in autostrada, morta bimba di quattro mesi

  • Delirio in piazza Libertà: sacco lanciato tra auto in corsa e urla senza senso

Torna su
TriestePrima è in caricamento