Camera di Commercio e Consorzio Collio a Londra con Barcolana

Sancito anche a livello nazionale il matrimonio tra la regata più numerosa del mondo e le eccellenze vitivinicole del Collio Goriziano.

Camera di Commercio Venezia Giulia e Consorzio Collio presenti alla conferenza stampa nell’Ambasciata italiana a Londra per presentare l’edizione numero 51 della Coppa d’Autunno – Barcolana e per sancire anche a livello nazionale il matrimonio tra la regata più numerosa del mondo e le eccellenze vitivinicole del Collio Goriziano

Una grande opportunità resa possibile dall’Ente camerale che ha consentito al Consorzio Collio di presentare e rappresentare le proprie produzioni a fianco dell’Ambasciatore d’Italia in Inghilterra, Raffaele Trombetta, di Andrea Illy che con il marchio illy è sinonimo del made in Italy nel mondo e sostenitore della Coppa d’Autunno-Barcolana promuovendone a livello internazionale il Manifesto, nonché il presidente della Società Velica Barcola Grignano, Mitja Gialuz. Sono oltre una trentina i giornalisti accreditati all’evento che ha visto anche la presentazione del ruolo del Collio a fianco di Barcolana nella storica regata Round the Island che dal 1931 si svolge attorno all’isola di Wight.

La regata organizzata dall’Island Sailing Club si sviluppa su 50 miglia nautiche con partenza e arrivo a Cowes. La Round the Island è infatti la versione inglese della Barcolana con oltre 1.500 barche partecipanti. Nel settore del vino va rilevato che il consumo pro-capite in Inghilterra è passato da meno di 2 litri del 1961 ai 18 litri rilevati dall’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (Oiv) nel 2004, con una progressione principalmente avvenuta nel corso degli ultimi 10 anni. E’ così che il mercato inglese è diventato un mercato da quasi 11milioni di ettolitri, raddoppiando la propria dimensione rispetto alla seconda metà degli anni Ottanta, e raggiungendo un valore stimato dei Paesi di maggior importanza insieme a Germania e Svizzera.

In Inghilterra – ha spiegato Valentina Ursic per il Consorzio Collio - dominano i vini bianchi con il 48% del mercato e il Collio qui è particolarmente gradito e noto. Il mercato è principalmente rappresentato dal canale off-trade, che rappresenta l’81% delle vendite locali di vino. Il canale off-trade è rappresentato per il 75% dalla grande distribuzione, per l’11% dalle enoteche, il 9% dagli altri negozi e il 5% dalle cooperative. Nell’ambito dell’off-trade, le vendite di spumante rappresentano circa un 10% del totale, così come le vendite di vini fortificati. Per quanto riguarda le denominazioni, lo Chardonnay è il vino più bevuto, seguito dal Cabernet, dal Merlot e dal Sauvignon. Il primo vino italiano è il Soave che precede il Pinot grigio. Da meno di 2 litri del 1961 ai 18 litri rilevati da Oiv nel 2004, con una progressione principalmente avvenuta nel corso degli ultimi 10 anni. E’ così che il mercato inglese è diventato da quasi 11 milioni di hl, raddoppiando la propria dimensione rispetto alla seconda metà degli anni 80.

Potrebbe interessarti

  • Dieta low carb, eliminare o sostituire i carboidrati nella nostra alimentazione?

  • Cucina di mare a Trieste, dove e perché mangiare pesce

  • Lenti a contatto, le cattive abitudini che danneggiano la salute dei nostri occhi

  • Rinnovo patente b, procedure e documenti necessari

I più letti della settimana

  • Squalo Mako di 4 metri avvistato in Croazia

  • Statua di D'Annunzio, Corona si schiera con Dipiazza: "Lascia perdere il Pd"

  • Schianto contro il guardrail nella notte, morto un motociclista

  • Squalo nell'Adriatico, parla l'esperto: come non finire nelle fauci di un Mako

  • Trieste-Lussinpiccolo in aliscafo: dal 29 giugno al via i collegamenti

  • Blitz dei NAS nella pizzeria La Caprese, multe per oltre 7000 euro

Torna su
TriestePrima è in caricamento