Carabiniere perde l'arma e la ritrova dopo giorni, inchiesta della Procura

La vicenda vede coinvolto un militare dell'Arma in forza presso il Nucleo dei Carabinieri che operano nella sede della Banca d'Italia a Trieste. La storia, secondo la magistratura, presenterebbe delle incogruenze. Aperte due indagini

foto Rete Comuni Italiani

Un carabiniere del Nucleo in servizio alla Banca d'Italia a Trieste avrebbe perso la sua pistola d'ordinanza, ritrovandola poi dopo alcuni giorni. La strana vicenda è riportato dall'ANSA e avrebbe "acceso" la spia della magistratura secondo la quale la storia "avrebbe passaggi da chiarire in quanto presenterebbe alcune incogruenze". 

I fatti

La scomparsa dell'arma è stata denunciata dallo stesso militare che, a distanza di alcuni giorni, l'avrebbe ritrovata all'interno di un faldone in uno degli armadi sul luogo di lavoro. "Proprio per accertare ogni dettaglio della vicenda è stata aperta una doppia inchiesta, da parte della Procura militare, per i reati ipotizzati di competenza militare e collegati all'arma in dotazione, e dalla Procura della Repubblica, per quanto concerne invece l'ipotizzato furto" si legge nel lancio.

A compiere le indagini sono gli stessi Carabinieri. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento