"Lady Carega", il blitz di CasaPound contro la Monassi

Il responsabile provinciale Francesco Clun afferma che "si tratta di un'azione goliardica per cui le concediamo un posto vista mare in piazza Unità per il posto nella Trieste Trasporti. Farebbe bene a rinunciare all'incarico"

CasaPound "regala" una sedia a Marina Monassi. La notizia arriva direttamente dal blitz di CasaPound che ieri notte in piazza Unità d'Italia ha dato vita alla più classicia delle provocazioni. "Questa notte - afferma il responsabile provinciale del partito neofascista - abbiamo voluto preparare la sedia per Marina Monassi alla Presidenza di Trieste Trasporti. Si tratta ovviamente di un'azione goliardica per ricordare che le nomine all'interno delle aziende partecipate dallo Stato, dalla Regione e dagli Enti Locali dovrebbero essere frutto di una attenta valutazione sulle reali competenze di una persona e non, come accade oggi, sugli equilibri politici cittadini". 

"Un'altra careghetta"

"Marina Monassi potrà inserire nel suo curriculum un'altra "careghetta" dopo quelle dell'Autorità Portuale di Trieste, dell'Acegas e dell'ATER. Per questo abbiamo posizionato una sedia al centro di Piazza Unità: dopo una lunga carriera di nomine politiche non potevamo che riservarle un posto d'onore nella piazza principale di Trieste. Posto vista mare ovviamente" prosegue Clun nella nota. "Al di là delle battute, però, dopo questa ennesima nomina ormai la misure è colma e ci chiediamo cosa il Sindaco abbia messo sul piatto della bilancia come contropartita per appoggiare una simile decisione".

La petizione lanciata da Francesco Russo: "Basta incarichi pubblici"

"Farebbe bene a rinunciare"

"Quello che va radicalmente cambiato in questo modo di fare politica e che ci disgusta profondamente - precisa il responsabile - è il modo con cui vengono scelti i responsabili delle aziende partecipate. Prima che agli equilibri politici, ai favori personali, alle simpatie e alle antipatie, crediamo sia ora di guardare esclusivamente alle reali competenze delle persone. La presidenza del Porto di Trieste, così come quella di Trieste Trasporti, sono incarichi fondamentali per la città e non devono diventare oggetto di baratto. In ogni caso - conclude Francesco Clun - Marina Monassi farebbe bene a rinunciare a questo incarico dopo il suo discutibile operato alla guida del Porto di Trieste. Crediamo che sarebbe il miglior regalo di Natale che possa fare per il bene della città e dei cittadini".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • le poltrone devono averle per merito e non per avere persone importanti che appoggiano chi incassa solo i soldi a fine mese senza far nulla per far progredire un azienda pubblica, basta con queste porcherie!!

  • Dipiazza se reputa tanto de destra, ma con la vera destra no el ga NIENTE a che far. Viva casapound!

  • con la monassi, la destra, per farghe piazer a camber, se coverzi de ridicolo

  • Rinunciare si!!!! E i soldi???

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Droga in via Settefontane: arrestato spacciatore 23enne

  • Cronaca

    A giugno ministri da mezza Europa a Trieste

  • Cronaca

    Scabbia all'Itis, la direzione: "Portata da altre strutture"

  • Cronaca

    Delibera urbanistica sul Porto Vecchio, una questione complessa

I più letti della settimana

  • Rapina e sparatoria a Opicina, ladri ancora in fuga

  • Guida ubriaco e si schianta contro auto dei Carabinieri

  • Schianto auto-scooter davanti a piazza Unità: 19enne all’ospedale (FOTO)

  • Schianto sulla Costiera: ferito un ciclista

  • Lieve scossa di terremoto sul Carso

  • Camper incendiato nel nuovo parcheggio sopra "Il Giulia" (FOTO)

Torna su
TriestePrima è in caricamento