Casi di scabbia all’ITIS, Pahor: “Tutto sotto controllo”

“Situazioni di questo genere si possono talvolta verificare e non è da escludere, come peraltro già avvenuto in passato, che la parassitosi sia venuta dall’esterno". Attivate tutte le procedure di emergenza

"Questa mattina sono stati certificati casi di scabbia in tre residenze dell’ITIS”. A comunicarlo sono Aldo Pahor e Fabio Bonetta, rispettivamente presidente e direttore generale dell’Ente, sottolineando che “i nostri operatori hanno attivato tutte le procedure di emergenza previste oltre ai protocolli indicati dal Dipartimento di Prevenzione dell’AsuiTs al fine di garantire la tutela delle persone fragili che assistiamo”.

L’ITIS ospita 450 persone, 500 vi lavorano e altre 500 entrano tutti i giorni a trovare i parenti. “Situazioni di questo genere – proseguono Pahor e Bonetta - si possono talvolta verificare e non è da escludere, come peraltro già avvenuto in passato, che la parassitosi sia venuta dall’esterno”.

Le misure di profilassi

Le misure di profilassi e le indicazioni del Dipartimento di Prevenzione Igiene e Sanità Pubblica dell’Azienda Sanitaria specificano che il periodo di incubazione della scabbia dura in media 2-6 settimane in caso di primo contagio e che i sintomi si manifestano con intenso prurito, soprattutto notturno, che risparmia il viso e il cuoio capelluto. La patologia – riporta ancora la nota del Dipartimento - si cura con pomate da spalmare sul corpo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tutto sotto controllo"

“La situazione è complessivamente sotto controllo – concludono i vertici dell’ITIS – grazie soprattutto alla capacità, preparazione e sensibilità di tutti i nostri operatori e alla fattiva collaborazione con le istituzioni sanitarie cittadine”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Intimano l'alt e gli puntano il fucile contro: la gita in bosco si trasforma in un incubo

  • Non solo transfrontalieri: chi può entrare in Slovenia dal 26 maggio

  • Mercurio pronto a dare spettacolo al tramonto: come e quando osservalo a occhio nudo

  • Un aiuto per pagare l'affitto: al via il bando del Comune

  • Sparatoria a Nova Gorica, coinvolte più persone

  • Fucile contro un giovane italiano, Serracchiani a Di Maio: "Chiarisca l'episodio con Lubiana"

Torna su
TriestePrima è in caricamento