Caso Colautti - Wartsila: in 1000 alla manifestazione nazionale Usb

Presenti anche Sinistra italiana, che ha sposato la causa insieme al Movimento 5 stelle

Grande partecipazione per la marcia in sostegno di Sasha Colautti "Democrazia, libertà e rappresentanza", una manifestazione nazionale organizzata da Usb. Con partenza ieri alle 14 in piazza Libertà, un migliaio di persone hanno protestato assieme a Colautti, il sindacalista un tempo dirigente della Fiom e ora passato a Usb. I manifestanti hanno sfilato compattamente per richiedere la reintegrazione di Colautti nello stabilimento Wartsila di Trieste dopo il recente ordine di trasferimento a Taranto.

Presenti al corteo anche rappresentanti di Sinistra italiana, che hanno sposato la causa denunciando anche un atteggiamento aggressivo da parte dell'azienda, che avrebbe tentato di impedire la manifestazione stessa. La parlamentare Serena Pellegrino (Sinistra Italiana – Possibile) ha definito «antisindacale e punitivo» il provvedimento applicato da Wartsila: «Il fatto che situazioni come queste si verifichino nell’ambito di grandi aziende private e multinazionali - dichiara Pellegrino - non sposta la prospettiva di valutazione di merito e politica, e non può sottrarne la valutazione da parte delle istituzioni competenti». Oltre a Sinistra italiana, anche il Movimento 5 stelle ha partecipato alla manifestazione e rimarcato la propria indignazione per il provvedimento messo in atto da Wartsila.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riccardo Scamarcio in piazza Unità: battibecco con Telequattro e poi le scuse

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Atti osceni in luogo pubblico in corso Saba: nei guai 58enne

Torna su
TriestePrima è in caricamento