Gorizia, ruba le offerte in chiesa: 34enne arrestato dai Carabinieri

Il ladro era già noto alle forze dell'ordine in quanto già sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza e al foglio di via da Gorizia con il divieto di farvi ritorno

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Gorizia, l’altro pomeriggio, hanno tratto in arresto un italiano sorpreso mentre stava rubando i soldi dalla cassetta delle offerte nella Chiesa di Sant’Ignazio.


In particolare, nell’ambito dei servizi di prevenzione e contrasto ai reati contro il patrimonio, giovedì pomeriggio i militari del Nucleo Operativo stavano monitorando in abiti civili l’area di Piazza Vittoria, quando hanno visto aggirarsi Zei Fabrizio (del 1983 di Mariano del F.), noto in quanto già sottoposto alla sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di soggiorno nel comune di residenza e al foglio di via da Gorizia con il divieto di farvi ritorno.
Il 34enne è stato visto intrufolarsi nella chiesa di Sant’Ignazio e in seguito i militari, non vedendolo uscire dopo alcuni minuti, sapendo che non vi era alcuna funzione in corso, hanno deciso di seguirlo per capire cosa intendesse fare e per poi accompagnarlo in caserma per denunciarlo per le violazioni alle citate misure di prevenzione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


Entrati in chiesa Zei Fabrizio è stato sopreso mentre armeggiava la cassetta delle offerte con un paio di forbici a punta ritorta, con le quali stava estraendo le monete e i soldi da una cassetta delle offerte. Il ladro è stato subito bloccato e aveva con sè circa 12 euro, quindi è stato accompagnato in caserma in Corso Verdi, dove, al termine delle formalità di rito, è stato dichiarato in stato di arresto per furto aggravato in luogo di culto e possesso di strumenti atti ad offendere, oltre che denunciato per l’inottemperanza alle misure di prevenzione, mentre i soldi sono stati restituiti al parroco.
Ieri il GIP presso il Tribunale ha convalidato l’arresto, disponendo nei suoi confronti una misura cautelare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta esplosione in zona Campanelle, gravissimi due giovani

  • Terrore a Barcola: spari in pineta, è caccia all'uomo

  • Morto a soli 27 anni Nicola Biase, tenente dell'Esercito in servizio a Trieste

  • Sparatoria con inseguimento a Barcola, arrestato a Grignano

  • Sparatoria ed inseguimento a Barcola, sullo sfondo una storia di droga

  • Tragedia a Sella Nevea: donna 55enne muore dopo un volo di 50 metri, abitava a Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento